Home Ricette Secondi piatti Secondi piatti di carne Fegato alla veneziana con cipolla

Fegato alla veneziana con cipolla

Il fegato alla veneziana è un piatto della cucina veneta, il fegato viene cotto in padella con le cipolle: venite a scoprire la ricetta di Agrodolce.

di Nadia Morandi

Il fegato alla veneziana, chiamato in veneziano figà à la venessiana, è un secondo piatto della tradizione culinaria veneta. La sua origine risale all’Antica Roma, i romani erano soliti cucinare il fegato accompagnandolo con fichi, così da coprirne l’odore intenso, da questo deriva proprio la parola fegato: iecur ficatum era infatti il fegato d’oca cucinato secondo questa ricetta. Con il passare del tempo, i veneziani hanno sostituito i fichi con le cipolle, facendo diventare questa ricetta una delle più apprezzate della cucina locale. Il sapore deciso del fegato è così accostato all’aroma più dolce delle cipolle. La realizzazione di questa ricetta è semplice: il fegato (in questo caso di vitello) viene fatto marinare nel latte per attenuarne il sapore e poi cotto per pochi minuti a fuoco vivo nella padella in cui sono state fatte precedentemente imbiondire le cipolle. Servite il fegato alla veneziana ancora caldo, cospargendolo con prezzemolo e limone e accompagnandolo con polenta. Potete sostituire quest’ultima anche con purè di patate.

Ingredienti per 4 persone

  • 60
  • 358 cal x 100g
  • bassa

Preparazione Fegato alla veneziana

  1. In una capiente terrina lasciate marinare il fegato tagliato sottilmente con il latte per circa 2 ore.

  2. In una padella mettete l'olio e il burro e scaldate appena. Unite le cipolle, coprite la padella con un coperchio e fatele appassire per 30-40 minuti a fuoco dolce, aggiungendo se necessario un paio di cucchiai di brodo. Alzate il fuoco e fate imbiondire rapidamente la cipolla.

  3. Aggiungete il fegato e fatelo cuocere a fiamma viva per circa 4 minuti, mescolando continuamente e regolando di sale a fine cottura. Prima di servire regolate di pepe, aggiungete una manciata di prezzemolo lavato e tritato e spruzzate con poco succo di limone.

Inviate le vostre ricette a: redazione@agrodolce.it