Gramigna verza e pancetta, corroborante

11 Marzo 2020

Ingredienti per 4 persone

La gramigna verza e pancetta è un primo piatto perfetto per un pranzo goloso. La gramigna è un formato di pasta tipico dell’Italia centrale. Viene consumata in brodo, ma si presta molto bene anche alle cotture risottate, perché assorbe bene i profumi del condimento e grazie alla sua forma si amalgama bene con qualunque sugo. Comprate una verza soda e abbastanza pesante, queste due caratteristiche sono quelle che garantiscono che la verdura è fresca e avrà un sapore più intenso e foglie croccanti. Il sapore della verza unito a quello della pancetta e del formaggio filante è preso in prestito dalle robuste ricette di montagna. Una ricetta da provare, se volete anche sostituendo la pancetta con altri salumi, come lo speck o il lonzino. Potete utilizzare il casera come nella nostra ricetta oppure aggiungere fontina o taleggio, tagliate il formaggio a cubetti piccoli o grattugiatelo con una grattugia dai fori molto larghi.

Preparazione Gramigna verza e pancetta

  1. Mettete a bollire l’acqua in una capiente pentola. Quando sarà in ebollizione salatela. Pulite la verza: eliminate le foglie più esterne, eliminate la nervatura centrale più dura della foglia. Tagliate la foglia a julienne e versate nell’acqua bollente per scottarla per 5 minuti. Scolate la verza.
  2. In una padella fate rosolare il cipollotto con la pancetta.
  3. Unite la verza scolata e cuocete per 5-6 minuti.
  4. Unite la gramigna e il brodo necessario perché possa cuocere . Mantecate unendo il formaggio tagliato a cubetti, aggiustate di sale e pepe e servite caldissima.