Lasagne al ragu di agnello, cremosissime

4 Marzo 2020

Ingredienti per 4 persone

Le lasagne al ragù d’agnello sono un primo ideale per la Pasqua o per un pranzo domenicale in famiglia. Partite con il solito soffritto realizzato con sedano carote e cipolle. Il mazzetto aromatico è fondamentale per profumare la carne e addolcire il sapore deciso dell’agnello e si può variare in base ai proprio gusti. Noi abbiamo usato timo, rosmarino, alloro e finocchietto, ma unite gli aromi che preferite. Per realizzare un ragu di agnello saporito, si possono usare vari tagli ma, la spalla o le parti meno pregiate sono perfette per questo tipo di cotture. Fate disossare l’agnello al vostro macellaio di fiducia ma chiedete anche le ossa che doneranno al ragù un sapore ancora più intenso, dovuto agli umori che ne fuoriescono in cottura. Potete scegliere di comperare la carne tritata o sminuzzarla al coltello, se preferite un ragu più rustico lasciate la carne in pezzi più grandi ma tutti della stessa dimensione. Unite poi polpa di pomodoro e non dimenticate il concentrato per ottenere un sugo perfetto.  Potete realizzare la pasta all’uovo in casa, o se non avete abbastanza tempo potete comperarle nel banco frigo del vostro supermercato. Le lasagne vanno, di solito, sbollentate ma, se non avete tempo, mettetele direttamente preparando una besciamella più fluida e lasciandole riposare per mezz’ora prima di cuocerle.

Preparazione Lasagne al ragu di agnello

  1. In una casseruola fate soffriggere la cipolla, la carota e il sedano tritati. Unite il mazzetto aromatico.
  2. Aggiungete carne di agnello tritata e le ossa. Lasciate rosolare e poi sfumate con il vino bianco.
  3. Versate la polpa di pomodoro e il concentrato. Cuocete per un’ora a fuoco basso. A fine cottura togliete le ossa.
  4. In una teglia distribuite a strati la besciamella, del sugo e una manciata di parmigiano. A seguire con le lasagne, meglio se sbollentate. Continuate fino alla fine degli ingredienti. Mettete sull’ultimo strato dei fiocchetti di burro e infornate a 200°C per 45 minuti, fino a che non si sarà formata un crosticina croccante.

Servitele calde.

I Video di Agrodolce: Come pulire i calamari