Lo Mein: spaghetti cinesi

28 Maggio 2020

Ingredienti per 4 persone

La ricetta del Lo mein arriva dalla cucina cinese. Piatto unico ricco e gustoso, si può preparare in diverse varianti: con pollo, con gamberi, con manzo (come in questo caso), vale la pena provarle tutte. Preparare il Lo mein in casa è abbastanza semplice: si tratta, in sostanza, di un piatto di noodles saltati in padella conditi con una salsa saporita e con carne di manzo. Simile al Chow Mein, la differenza tra i due sta nella più lunga cottura dei noodles che, mentre nel primo risultano morbidi, nel secondo diventano croccanti. Importante è prestare attenzione alla salsa di condimento, che è dolce e salata allo stesso tempo e che si realizza con zucchero di canna, brodo di manzo e salsa di soia. Basta portare tutti i componenti ad ebollizione per ottenerla e conferire alla pietanza il suo caratteristico sapore. Per quanto riguarda la carne, invece, scegliete fra una bistecca, la costata ed il controfiletto: l’importante è farla cuocere bene.

Preparazione Lo Mein

  1. Unite in un pentolino il brodo di carne e lo zucchero di canna. Accendete la fiamma e mescolate per fare sciogliere. Unite la salsa di soia e mettete da parte.
  2. Adesso lavate le verdure e tagliate i broccoli in cimette, le carote e julienne e la cipolla a fette.
  3. Tagliate la carne a strisce sottili e versate in un wok parte dell’olio di sesamo. Fatevi cuocere la carne fino a quando risulta dorata, quindi prelevatela.
  4. Nella stessa padella fate rosolare le cipolle con l’olio di sesamo rimasto.
  5. Unite le carote ed i broccoli e fate cuocere per circa tre minuti. Aggiungete l’aglio schiacciato.
  6. Unite quindi la carne e completate con la salsa: fate cuocere su fiamma bassa per 2 minuti.
  7. Aggiungete per ultimi i noodles cotti a parte secondo le istruzioni riportate sulla confezione. Mescolate bene e gustate caldo.

Variante Lo Mein

Il Lo mein con gamberi rappresenta l’alternativa senza carne del ricco piatto orientale. Utilizzate dei gamberi freschi.

I Video di Agrodolce: Margarita