Marmellata di arance amare: in dispensa

20 Maggio 2021

Ingredienti per 8 persone

La marmellata di arance amare è un’ottima soluzione per creare biscotti farciti o per accompagnare taglieri di formaggi freschi o stagionati in un aperitivo. L’arancia amara viene chiamata melangolo e spesso viene utilizzata in preparazioni farmaceutiche o di profumeria. Il sapore più aspro rispetto alla classica marmellata di arance dolci la rende perfetta in abbinamenti agrodolci anche in secondi piatti a base di carne. Questa versione è preparata solamente con la polpa delle arance, ma se vi piace la consistenza delle scorzette nella marmellata basta pelarne due, ridurre la buccia a striscioline e farle bollire a parte per cinque minuti; una volta fredde aggiungetele alla preparazione insieme allo zucchero e continuate la cottura secondo la ricetta. La marmellata di arance amare è buona anche per una colazione nutriente su fette di pane tostato insieme a una tazza di tè o caffè latte.

Preparazione Marmellata di arance amare

  1. Per prima cosa selezionate attentamente le arance, che non abbiano parti marce o punti neri, mettetele in un contenitore capiente e copritele con acqua. Lasciate in ammollo per tutta la notte.
  2. Iniziate la preparazione asciugando le arance e pelandole eliminando tutta la buccia, i semi e i filamenti bianchi; riducete la polpa in pezzi e mettetela in una pentola capiente. Ponete sul fuoco e fate raggiungere il bollore.
  3. Dopo cinque minuti dal bollore aggiungete lo zucchero e mescolate fino a farlo sciogliere completamente, unite il succo di limone e fate riprendere il bollore. Lasciate cuocere mescolando per circa 40 minuti fin quando ha raggiunto la consistenza desiderata.
  4. Fate la prova facendo colare una goccia di marmellata su un piattino inclinato, se fa resistenza è pronta.
  5. A questo punto spegnete il fuoco e versatela calda in barattoli di vetro sterilizzati. Chiudeteli e metteteli a raffreddare a testa in giù.

La marmellata è pronta.