Pane senza sale: la tradizione toscana

3 Maggio 2018

Ingredienti per 6 persone

Il pane senza sale o pane sciocco è un pane tipico della tradizione dell’Italia centrale, nello specifico della Toscana. L’origine di questa tradizione è ancora oggi oggetto di discussione da parte di studiosi e cultori dell’arte culinaria: c’è chi da una parte sostiene che l’assenza di sale dipenda dall’elevato costo del sale e chi dall’altra sostiene che il pane sciocco sia senza l’aggiunta di sale per ottenere la giusta compensazione con le carni sapide e gustose e i salumi saporiti toscani. Il pane senza sale si sposa perfettamente ai sapori decisi e forti della cucina toscana. Servitelo appena sfornato.

Preparazione Pane senza sale

  1. Versate nella ciotola dell’impastatrice acqua, lievito di birra, malto, 400 g di farina e iniziate a impastare. Terminate quando l’impasto è liscio e omogeneo. Estraete l’impasto dalla ciotola e riponetelo a riposare in un contenitore coperto leggermente unto, in un ambiente tiepido per un paio d'ore fino a quando l’impasto ha raddoppiato il suo volume.
  2. Procedete con la formatura: prendete il panetto e allargatelo delicatamente. Portate al centro tutta la parte superiore.
  3. Arrotolate l’impasto senza stringerlo molto.
  4. Sigillate la chiusura.
  5. Riponete il panetto con la chiusura rivolta verso l’alto in un cestino da lievitazione e fate lievitare per 60-90 minuti. Cuocete il filone a 220°C per i primi 20 minuti, vaporizzando 3-4 volte durante i primi 5 minuti, abbassate la temperatura a 200°C per altri 10-15 minuti e poi a 180°C fino a fine cottura.
   
I Video di Agrodolce: Cupcake delle feste