Home Ricette Dolci Paskha: dolce al cioccolato

Paskha: dolce al cioccolato

Alla scoperta del tradizionale dolce della pasqua ortodossa: la ricetta del paskha ed i consigli utili sulla sua preparazione.

di Roberta Favazzo

Il paskha appartiene alla categoria dei dolci a provare almeno una volta nella vita. Fresco e cremoso, è strettamente legato alle festività pasquali ortodosse e si realizza diffusamente in tale periodo dell’anno. Non a caso il suo nome, in russo, significa esattamente Pasqua. Voglia di prepararlo in casa? Ecco la ricetta originale del paskha per riprodurlo e gustarlo senza difficoltà.

Che cos’è il Paskha

Il Paskha è un dolce tradizionale ortodosso realizzato in occasione della Pasqua con un formaggio simile al quark che si chiama tvorog. Somiglia ad una cheesecake senza cottura dalla particolare forma di piramide tronca e si presenta di un candido colore bianco per simboleggiare la purezza di Cristo e la sua Risurrezione. Nonostante questa sia la base, le sue varianti sono tantissime, ed è possibile reperirlo in altri colori, dovuti alle diverse aggiunte all’impasto.

Ingredienti per 6 persone

  • 30
  • 345 cal x 100g
  • bassa

Preparazione Paskha

  1. Fate asciugare bene il formaggio messo in un colino, quindi passatelo al setaccio raccogliendolo in una ciotola. Tritate il cioccolato bianco e tagliate il burro a pezzetti e fateli sciogliere insieme a bagnomaria. Fate raffreddare.

  2. In una ciotola lavorate i tuorli, il sale e lo zucchero vanigliato fino a quando non ottenete un composto bianco e spumoso. Unite il composto di cioccolato bianco e mescolate.

  3. Lavorate con le fruste aggiungendo il formaggio e continuate per circa 10 minuti. Unite quindi la purea di fragole e le noci tritate.

  4. Foderate uno stampo per paskha con della carta forno e riempitelo con il composto. Copritelo con un piatto e ponete sopra un peso, quindi trasferitelo in frigo per tutta la notte o, meglio, per 24 ore.

Servite il dolce capovolgendolo su un piatto da portata.

Come si conserva il paskha

Il paskha può essere cotto o crudo. La versione non cotta si realizza mescolando tutti gli ingredienti a temperatura ambiente e si conserva in frigo per 2-3 giorni al massimo. Si può anche congelare all’occorrenza, all’interno di un contenitore a chiusura ermetica o avvolto nella pellicola trasparente. In questo caso, in freezer, dura dai 2 ai 3 mesi. Va tirato fuori la sera prima e messo in frigo salvo poi essere servito a temperatura ambiente.

Variante Paskha

Le varianti del dolce sono tantissime: si può arricchire con frutta candita o frutta fresca e si può aromatizzare alla vaniglia.