Pizza fiordilatte, mozzarella di bufala e salame Napoli

11 Dicembre 2019
di Gino Sorbillo

Ingredienti

La Pizza fiordilatte, mozzarella di bufala e salame Napoli si può realizzare anche nel forno di casa. Utilizzate ingredienti di qualità e prestate attenzione alla lievitazione che deve avvenire a temperatura ambiente. Una volta che avrete preso dimestichezza con questa preparazione, potrete provare ad utilizzare solo la mozzarella di bufala. Essendo molto acquosa, infatti, è necessaria molta esperienza per gestire la cottura e molta velocità per preparare la pizza; questo al fine di evitare l’eccesso di latte e acqua che potrebbe compromettere la giusta morbidezza del piatto.

Preparazione Pizza fiordilatte e bufala con salame Napoli

  1. Sciogliete il lievito in una ciotola con dell’acqua. In un’altra ciotola, versate una parte della farina con un po’ di acqua a cui unirete la miscela dei lieviti appena realizzata. Continuate ad aggiungere la farina mescolando. Inserita metà farina, aggiungete il sale, disciolto in acqua. Quando il composto tende a staccarsi dalla ciotola, estraetelo e lavoratelo sul piano per alcuni minuti. Inseritelo in una grande ciotola, coprite con la pellicola e lasciate lievitare per 6 ore. Estraete l’impasto e dividetelo in 2 cilindri dello spessore dei panetti (circa 240 g l’uno), quindi mozzateli, ricavando i panetti. Arrotondate le pagnotte e lasciatele lievitare per ulteriori 2 ore, in un recipiente coperto, al riparo da sbalzi termici. Stendete ogni pagnotta, procedendo dal centro verso i bordi, evitando di toccare il cornicione.
  2. Affettate il fiordilatte e la bufala a striscioline. Lasciate la bufala in un colino in modo da far fuoriuscire il latte in eccesso.
  3. Inumidite con un filo d’olio il fondo della pizza, ma non il bordo, quindi adagiate il fiordilatte e il salame tagliato a julienne.
  4. Tagliate a julienne una foglia di basilico e adagiatelo sulla pizza. Aggiungete un filo d’olio e infornate per 9 minuti a 250°C.
  5. Aggiungete la bufala, un pizzico di pepe nero, e lasciatela sciogliere col calore senza infornare. Aggiungete, infine, ancora basilico a julienne.