Porcini fritti, è arrivato l’autunno

28 Settembre 2020

Ingredienti per 4 persone

I funghi porcini fritti sono uno dei piatti simbolo dell’autunno. I porcini migliori per la frittura sono quelli più grandi, nei quali i tubuli sono ormai diventati verdastri. Di solito è il cappello la parte più adatta per questo tipo di cottura ma se i gambi sono ancora integri possono ugualmente essere fritti. Dalla semplice infarinatura diretta, fatta inumidendo prima i funghi o dal passaggio nell’albume e poi nella farina e/o nella farina di mais, il risultato dovrà essere sempre un fungo croccante all’esterno e morbido internamente. La frittura può essere aromatizzata con dell’aglio e della nepitella o mentuccia.

Preparazione Porcini fritti

  1. Pulite i funghi eliminando i residui di terra alla base del gambo con un coltellino poi, con un panno umido passate sulle teste in modo da rimuovere ogni residuo. Tagliateli in fette non troppo fini.
  2. Ripassate le fette velocemente prima nell’albume poi nelle farine mescolate. Fate scaldare l’olio e friggete i funghi per pochi minuti fino a doratura. Cuoceteli un po’ alla volta rigirandoli ogni tanto. Fateli scolare su carta assorbente, salateli e serviteli ben caldi.
I Video di Agrodolce: Hamburger di riso