Home Ricette Primi piatti Risotto alla veneta: primo regionale

Risotto alla veneta: primo regionale

Il risotto alla veneta è un primo della tradizione: dalla cucina povera, un piatto estremamente saporito che si realizza con le rigaglie.

di Roberta Favazzo

Tipico della cucina regionale, il risotto alla veneta è un primo a base di riso apparentemente semplice da preparare ma che richiede determinati accorgimenti per portare in tavola una ricetta che corrisponda quanto più possibile ai dettami della tradizione. Del piatto esistono numerose versioni, frutto delle diverse zone di preparazione. Quello che è certo, è che si tratta di una ricetta proveniente dalla cucina povera alla cui base c’è l’esigenza di non buttare via niente. Non a caso, a farla da padrone sono le rigaglie (i fegatini di pollo, il rognone) sostituiti, nella versione più odierna, da carne di maiale o di vitello. Fondamentale per la buona riuscita del risotto alla veneta è il brodo di carne, che regala sapore ad un primo che non passa mai di moda e che, negli anni, continua a competere con piatti ben più elaborati.

 

Ingredienti per 4 persone

  • 40
  • 460 cal x 100g
  • bassa

Preparazione Risotto alla veneta

  1. Tritate le rigaglie con un coltello. Versate in un tegame abbondante olio e unite la cipolla tritata. Fatela appassire, quindi aggiungete anche le rigaglie e fatele cuocere per qualche minuto.

  2. Prelevatele e tenetele da parte, quindi aggiungete il riso: fatelo tostare, mescolando, per un paio di minuti.

  3. Bagnatelo con il vino bianco e aspettate che evapori, quindi procedete con la cottura unendo un mestolo di brodo caldo per volta.

  4. Quando il riso è al dente, unite nuovamente le rigaglie, regolate di sale e pepe e profumate con il rosmarino. Una volta cotto, allontanate dalla fiamma, aggiungete il burro ed il grana e mantecate.

Spegnete la fiamma, ponete il coperchio e fate riposare per qualche minuto, quindi servite il risotto ben caldo.

Variante Risotto alla veneta

Il risotto alla veneta con carne di maiale è una variante rispetto a quello con i fegatini: il procedimento non cambia.