Home Ricette Primi piatti Risotto radicchio e stracchino

Risotto radicchio e stracchino

Ingredienti e preparazione del risotto radicchio e stracchino: un must tutto autunnale per il quale non bisogna avere una scusa per portarlo in tavola.

di Roberta Favazzo

Riuscite ad immaginare un primo più autunnale del risotto radicchio e stracchino? Cremoso, avvolgente, dal sapore che conquista al primo assaggio, è un piatto perfetto per un menu settembrino. Non richiede che pochi ingredienti e un pizzico di pazienza, come tutti i risotti che si rispettino. Ma vale assolutamente la pena portarlo in tavola alla prima occasione. Che può essere, ad esempio, una cena con amici a tema autunno. Perché no?

Ingredienti per 4 persona

  • 60
  • 290 cal x 100g
  • bassa

Preparazione Risotto radicchio e stracchino

  1. Affettate la cipolla e fatela soffriggere in una pentola con dell’olio. Una volta dorata unite il riso e fatelo tostare per un paio di minuti.

  2. Sfumate con il vino bianco, fatelo evaporare e iniziate a versare, un mestolo alla volta, il brodo bollente.

  3. Nel frattempo tagliate a listarelle il radicchio e, a 5-6 minuti dalla fine della cottura del riso, unitelo in pentola, quindi regolare di sale e pepe e unite del brodo.

  4. Cotto il riso, allontanate la pentola dalla fiamma, aggiungete il grana e lo stracchino. Mantecate bene, fate riposare 5 minuti e servite caldo.

Risotto stracchino e radicchio, varianti

Come è facile immaginare, questo piatto, più di molti altri, si presta a numerose varianti sul tema, dettate dall’aggiunta o dalla sostituzione di diversi ingredienti. Ad iniziare dal risotto radicchio stracchino e noci: la presenza della frutta secca regala una intrigante nota croccante capace di fare la differenza. Ma anche il risotto radicchio speck e stracchino, che invece è ideale per gli onnivori, prevedendo la presenza dall’insaccato. Infine, ai più esigenti, segnaliamo il risotto salsiccia radicchio e stracchino, un evergreen che non passa mai di moda.

Risotto stracchino e radicchio, conservazione

Per sua natura, il risotto dà il suo meglio quando è fresco, ovvero appena fatto. Se dovesse avanzare, però, lo si può conservare in frigo, all’interno di un contenitore a chiusura ermetica. Qui può riposare per qualche giorno, ma va scaldato poco prima di essere portato in tavola, magari allungandolo con del brodo per evitare l’effetto colloso. Si sconsiglia invece di congelarlo in quanto il riso scongelato può cambiare consistenza diventando poco piacevole al palato.

Variante Risotto radicchio e stracchino

Provate il risotto radicchio e gorgonzola, dal sapore più deciso adatto ai veri estimatori del formaggio. Se vi piacciono i risotti ecco qualche ricetta: