Seppie con spinaci e patate

19 Novembre 2020
di Anna Moroni

Ingredienti per 4 persone

Preparazione Seppie con spinaci e patate

  1. Pulite per bene le seppie. Se possibile, indossate dei guanti usa e getta e in modo da evitare di macchiare le unghie di nero. Per prima cosa, staccate la testa della seppia dai tentacoli: basta afferrare questi ultimi e tirare con fermezza e delicatezza al tempo stesso. Le interiora, solitamente, restano attaccate ai tentacoli, ma è sempre bene verificare che all’interno della testa non ve ne siano rimaste.
  2. Attenzione alla sacca del nero che spesso resta all’interno. Se volete conservarla (e soprattutto se non volete sporcare il lavandino), cercate di estrarla senza romperla. Eliminano poi le interiora staccandole dai tentacoli. Rimuovete, poi, anche gli occhi e, anche, il becco che si trova al centro dei tentacoli. Basta torcerla.
  3. Per pulire la testa sfilate via l’osso (è famoso poiché si dà ai canarini). Eliminate per bene la pelle e siete pronti per procedere. Tagliate le seppie a listerelle di circa due centimetri di larghezza.
  4. Prendete una padella antiaderente e versateci un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva, unite la cipolla tagliata abbastanza sottile e lasciate appassire a fuoco basso per pochi minuti. Aggiungete le seppie e fatele insaporire.
  5. Sbucciate la patata e tagliatela a cubetti spessi un paio di centimetri. Aggiungetela in padella e cuocete per 5 minuti. Unite gli spinaci ben lavati e tagliuzzati grossolanamente e fte appassire.
  6. Aggiungete infine i pomodori a pezzetti, salate e unite il peperoncino. Lasciate cuocere per un’oretta.
I Video di Agrodolce: Animelle fritte