Tiella di Gaeta, la torta salata con il polpo

16 Settembre 2020

Ingredienti

La tiella di Gaeta è un piatto regionale, tipico dell’omonima cittadina della costa laziale. Si tratta di una torta salata nata come pasto di recupero dei pescatori locali che metteva insieme le rimanenze di mare e di terra tra due strati di impasto avanzato del pane. Preparate la pasta in pochi semplici passaggi preferendola a impasti già pronti. In questa ricetta trovate la sua farcitura più rappresentativa a base di polpo, pomodorini e olive gaetane con tutti i consigli utili per una perfetta cottura del pesce. Gli ingredienti devono essere ben bilanciati in modo da armonizzare i gusti tra loro così diversi. Per apprezzarla in tutte le sue sfumature di gusto, preparate la tiella di Gaeta il giorno prima e datele il tempo di riposare per far fondere i sapori del ripieno. L’attesa sarà ampiamente ripagata da un sapore sublime.

Preparazione Tiella di Gaeta

  1. Pulite il polpo e sciacquatelo sotto l’acqua fresca corrente. Poi mettetelo in una pentola profonda con aglio e olio ben caldi. Aggiungete 1 bicchiere d’acqua, 1 rametto di prezzemolo e coprite con coperchio. Fate cuocere su fuoco medio-basso per 60-80 minuti, girando di tanto in tanto; poi spegnete e fate raffreddare completamente senza rimuovere il coperchio.
  2. Sciogliete il lievito in 160 g di acqua e versatelo in una ciotola con la farina. Amalgamate brevemente con una forchetta e aggiungete 25 g di olio e il sale. Impastate.
  3. Quando il composto apparirà lucido e elastico formate una sfera e riponetela a lievitare in luogo riparato per un’ora, coperta con pellicola.
  4. Prelevate il polpo dalla sua acqua e tagliatelo a tocchetti. Conditelo con aglio e prezzemolo tritati, sale, olio e pepe. Poi aggiungete anche i pomodorini tagliati a spicchi e una generosa manciata di olive, mescolate e tenete da parte.
  5. Prendete poco più della metà dell’impasto, stendetelo e usatelo per rivestire il fondo di una teglia ben unta da 24 cm di diametro.
  6. Versate al suo interno la farcitura, poi livellate con un cucchiaio di legno. Stendete il rimanente impasto e usatelo per chiudere la tiella.
  7. Ripiegate i bordi verso l’interno e sigillateli accuratamente. Infine, con uno stuzzicadenti, punzecchiate la superficie e ungetela bene. (
  8. Cuocete in forno statico preriscaldato a 200°C per circa 30 minuti, infine sfornate e fate raffreddare prima di servire.
I Video di Agrodolce: Parmigiana di cavolfiore