Home Ricette Dolci Torta Mimosa al pistacchio: diversa dal solito

Torta Mimosa al pistacchio: diversa dal solito

La mimosa al pistacchio è una torta golosa. Si tratta di un’alternativa rispetto alla mimosa classica . Provate la ricetta.

di Ileana Pavone

La torta mimosa è il dolce simbolo della giornata internazionale della donna, noi abbiamo realizzato una torta mimosa al pistacchio, con pan di Spagna, crema pasticcera e crema di pistacchio. Si tratta di una versione rivisitata del classico dolce tradizionale. Siete amanti della crema al pistacchio? Allora non potete assolutamente perdere questa torta golosa. Preparatela in casa per una cena speciale: l’effetto scenico sarà assicurato.

Come si prepara la mimosa al pistacchio

La nostra mimosa al pistacchio segue lo stesso procedimento della torta mimosa originale: abbiamo realizzato un pan di Spagna arricchito da farina di pistacchi e abbiamo poi farcito la torta con crema pasticcera, crema al pistacchio e pistacchi tritati. Noi abbiamo realizzato un solo strato, ma se volete ottenere una torta più alta, vi consigliamo di preparare due pan di Spagna.

Ingredienti per 8 persone

  • 180
  • 260 cal x 100g
  • media

Preparazione Mimosa al pistacchio

  1. Preparate il pan di Spagna: rompete le uova intere in una ciotola, aggiungete 100 g di zucchero e montate gli ingredienti con le fruste elettriche per circa 10 – 15 minuti.

  2. Aggiungete 80 g di farina 00 setacciata e la farina di pistacchi; incorporate le farine con una spatola, con movimenti dal basso verso l’alto, facendo attenzione a non smontare il composto.

  3. Distribuite il composto in una tortiera alta, imburrata e infarinata, del diametro di 20 cm circa. Cuocete per circa 30 minuti nel forno preriscaldato a 180°C. Nel frattempo preparate la crema pasticcera: versate il latte in un pentolino con la scorza del limone e la bacca di vaniglia incisa, spegnete il fuoco prima di che arrivi a ebollizione, quindi lasciate in infusione il limone e la vaniglia per 5 minuti. Trasferite i tuorli in una casseruola con 130 g di zucchero, quindi unite 70 g di farina 00 e il latte caldo, filtrato. Portate la crema sul fuoco e cuocetela fino a quando è densa, mescolate spesso. Fate raffreddare la crema in una ciotola e coprite con la pellicola a contatto.

  4. Fate raffreddare la crema, quindi aggiungete i pistacchi al naturale tritati e la crema al pistacchio. Mescolate e tenete da parte. Riprendete il pan di Spagna (deve essere completamente freddo): tagliate la parte superiore del pan di Spagna, a circa 1 – 2 cm dal bordo. Incidete la parte rimasta e svuotate l’interno; tagliate a pezzettini la parte centrale tagliata.

  5. Bagnate la torta con la bagna al liquore e farcitela con la crema. Ricoprite la torta con il disco di pan di Spagna tenuto da parte, quindi ricoprite interamente la torta con la crema rimasta e infine ricopritela con i pezzetti di pan di Spagna. Ponete la torta in frigorifero per almeno 3 ore prima di tagliarla.

Servite la torta mimosa accopagnata da un bicchierino di passito o, per i più piccoli, insieme a un bel bicchiere di latte.

Le origini della torta mimosa

La torta mimosa originale nasce a Rieti, negli anni Cinquanta del Novecento. Il nome è dato all’aspetto della torta: la superficie della torta mimosa è coperta da piccoli pezzetti di pan di Spagna che ricordano appunto i fiori della mimosa. La torta mimosa è nata grazie ad un cuoco, Adelmo Renzi, che aveva un ristorante nella città laziale.

Variante Mimosa al pistacchio

Potete aggiungere alla crema di pistacchio dei pezzetti di fragola o di frutta sciroppata.