Torta salata di porri e pomodori vegana

16 Giugno 2020

Ingredienti per 4 persone

La Torta salata di porri e pomodori vegana è perfetta per pranzo e per cena. La senape, è una salsa tipica della tradizione culinaria francese, nota anche con il nome di moutarde (mostarda). Già nel 1500 a Orléans nacque la prima corporazione di produttori. Attorno al 1550 fu fondata la corporazione di Digione, dove ancora oggi si produce una delle senapi più piccanti e famose al mondo: la senape di Digione. Aggiungetela al ripieno per un gusto inconfondibile.

Preparazione Torta salata di porri e pomodori vegana

  1. Lavate il porro, eliminate il ciuffo e la foglia esterna, quindi tagliatelo a fettine sottili (tenetene da parte un ciuffetto per la decorazione finale) e mettetele ad appassire in padella con un filo di olio per quindici minuti a fiamma bassa. Nel frattempo, lavate i pomodori, privateli del picciolo, tagliateli a fette e lasciateli da parte.
  2. Stendete il disco di pasta sfoglia in una tortiera, lasciando il foglio di carta forno che lo riveste. Fatela aderire bene anche ai bordi della tortiera. Servendovi di un cucchiaio, spalmate un velo di senape su tutta la superficie della pasta sfoglia. Appena i porri saranno pronti, disponeteli sulla senape, spargendoli in maniera uniforme.
  3. Adagiate i pomodori a raggiera sui porri. Disponeteli partendo dall’esterno e procedete, lasciando solo la parte centrale vuota, che riempiremo con il ciuffetto di porri crudi che avete tenuto da parte.
  4. Spolverate con sale e pepe, aggiungete l’origano e una manciata di semi di sesamo. Mettete la tortiera in forno già caldo a 200 gradi e lasciate cuocere per venti minuti, facendo attenzione a cuocere bene la torta anche nella parte sottostante.

Variante Torta salata di porri e pomodori vegana

Se la torta è cotta sopra, ma non ancora sotto, copritela con un foglio di carta stagnola e completate la cottura