Triglia marinata al profumo di timo

10 Marzo 2020
di Anna Moroni

Ingredienti per 4 persone

Preparazione Triglia marinata al profumo di timo

  1. Lavate accuratamente le triglie. Provvedete a squamarle, preferibilmente con l’ausilio di un apposito squamapesci. Se non disponete di questo attrezzo, potete utilizzare la parte non tagliente della lama di un coltello. Fatelo sotto il getto dell’acqua corrente, in modo da evitare che le squame schizzino ovunque.
  2. Con un coltello bene affilato, praticate un’incisione nel ventre del pesce, partendo dalla testa e proseguendo verso la coda, in modo da poter estrarre facilmente le interiora. Eliminate anche le branchie e lavate con cura di nuovo sotto acqua corrente. Asciugate e verificate che non siano rimaste squame.
  3. Mettete le triglie in un sacchetto di plastica per alimenti con chiusura a zip e versate dentro il succo di un limone, un filo di olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Ponete in frigo e lasciate riposare per un paio d’ore.
  4. Trascorso il tempo, grattugiate la scorza di un limone con una grattugia a fori piccoli, in modo da ottenere una polvere quasi impalpabile. Dividetela nelle pance delle triglie. Inserite anche un po’ di timo.
  5. Tagliate un foglio di carta di alluminio per alimenti per ogni triglia e sistemate sul fondo lo scalogno affettato sottile. Mettete sopra la triglia, il timo e le fette di limone. Chiudete con cura ogni singolo cartoccio.
  6. Mettete a cuocere i cartocci in forno statico, già caldo, a 200°C per 10-15 minuti. Il tempo di cottura dipende dalle dimensione dei pesci: per una triglia da 200 g, ad esempio, sono sufficienti 10 minuti.
  7. Portate i cartocci in tavola ancora chiusi, affinché il profumo si sprigioni solo al momento in cui verranno aperti dai nostri commensali.