Home Ricette Primi piatti Zuppe Vellutata di cavolfiore e speck

Vellutata di cavolfiore e speck

La Vellutata di cavolfiore e speck è un primo piatto che riscalda i giorni più freddi dell’anno ecco come si fa.

di Anna Moroni

Ingredienti per 5 persone

  • 40
  • 270 cal x 100g
  • bassa

Preparazione Vellutata di cavolfiore e speck

  1. Mondate il cavolo: privatelo delle foglie e lavatelo con cura sotto un getto di acqua corrente. Quindi, tagliatelo a cimette molto piccole, in modo da ridurre il tempo di cottura.

  2. Mettete una pentola con abbondante acqua su fiamma alta e portatela a ebollizione. Appena l’acqua inizierà a bollire, salate e tuffateci le cimette di cavolo. Lasciate cuocere per circa 5 minuti. Scolate bene.

  3. In una padella antiaderente, fate sciogliere il burro su fiamma media con un goccio di olio, per non farlo bruciare. Aggiungete subito le cimette e lasciatele insaporire, schiacciandole con una forchetta.

  4. Aggiungete la farina, quindi fate cuocere per circa 5 minuti, sempre a fiamma bassa. Infine, aggiungete il latte a filo, mescolando bene affinché non si formino grumi.

  5. Grattugiate un pizzico di noce moscata direttamente nel composto per insaporirlo e aggiustate di sale.

  6. In una casseruola, portate a ebollizione il brodo vegetale e aggiungetene al composto quanto basta per avere una vellutata densa. Lasciate sobbollire per una decina di minuti, quindi verificate che la zuppa sia gustosa e abbia perso il retrogusto di farina. Spegnate il fuoco.

  7. Tagliate lo speck a listarelle sottili. Mettete una padella antiaderente su fiamma alta e lasciatela scaldare. Adagiateci le listarelle di speck, senza aggiungere alcun grasso e fatele rosolare per un paio di minuti, in modo che diventino croccanti ma non si brucino.

  8. Versate la zuppa nelle ciotole, decorate con le listarelle croccanti di speck e, a piacere, noce moscata. Servite caldo.