L’inizio è un po’ timido: si parla tendenzialmente bene di tutti i ristoranti e gli aspetti negativi vengono tenuti da parte. Nel 1975 le pagelle di Edoardo Raspelli su La Stampa sanciscono il vero e proprio inizio della critica enogastronomica italiana come la conosciamo oggi. le principali e più influenti guide ai ristoranti d’Italia sono tre, la Michelin, quella del Gambero Rosso e la guida de L’Espresso Poco dopo, tra la fine degli anni ’70 e la prima metà degli anni ’80 nascono nuove realtà editoriali legate al mondo del food, come la guida de L’Espresso, Arcigola (diventato poi Slow Food) e l’inserto Gambero Rosso sul Manifesto, curato da Stefano Bonilli, sviluppatosi poi in Gambero Rosso Editore. Attualmente le principali e più influenti guide ai ristoranti d’Italia sono tre, la Michelin, quella del Gambero Rosso e la guida de L’Espresso. Un discorso a parte va fatto sulla guida Osterie d’Italia Slow Food, fondata su canoni di valutazione legati esclusivamente alla cucina e all’utilizzo di prodotti di territorio, con un occhio di riguardo per le realtà che valorizzano la tradizione e un metro di giudizio che mette da parte l’alta cucina. Ogni guida ha la sua storia e il suo metro di valutazione particolare. Vediamoli insieme:Presentazione della Guida Michelin 2014Guida Rossa Michelin: la più antica tra tutte, è stata pubblicata per la prima volta nel 1900; di grande autorevolezza, la Rossa è stata sicuramente un modello per tutte le guide successive. Gli ispettori sono presenti in ogni regione e visitano i ristoranti della loro zona, stilando dei rapporti che vengono poi discussi durante le riunioni delle stelle. A grandi linee il sistema di classificazione valuta servizio, cucina e cantina, secondo canoni di stile classico e sicuramente “alla francese”, in riferimento all’alta cucina degli inizi del 1900 e con le dovute evoluzioni del caso. I ristoranti che non meritano menzione non sono segnalati, mentre quelli che vengono inseriti in guida possono ottenere nessuna, 1, 2 o 3 stelle.Guida MichelinUna stella significa «ottimo ristorante per la sua categoria», due stelle «cucina eccellente, merita una deviazione», e 3 stelle «cucina eccezionale, merita il viaggio». Questo risultato rappresenta il Sacro Graal di molti ristoratori e non è semplice da ottenere: in tutta Italia nel 2013 sono soltanto 7 i ristoranti che se lo sono aggiudicato. Chi sono i magnifici sette? Presto detto: Piazza Duomo di Alba in Piemonte (novità dell’edizione 2013), Da Vittorio a Brusaporto in Lombardia, Dal Pescatore a Canneto sull’Oglio in Lombardia,  Le Calandre a Rubano in Veneto, Osteria Francescana a Modena in Emilia Romagna,  Enoteca Pinchiorri a Firenze e La Pergola a Roma.Guida Espresso 2014Ristoranti d’Italia de L’Espresso: pubblicata per la prima volta nel 1978, è una guida nata sull’onda di una nuova sensibilità gastronomica, in netta contrapposizione a quella della Michelin, che allora deteneva quasi il monopolio della nascente critica enogastronomica italiana. Si propone una selezione e una valutazione meno classica e più italiana: basato esclusivamente sulla cucina, con particolare attenzione alla freschezza dei cibi e alla leggerezza delle preparazioni, il metodo L’espresso è contro le salse stucchevoli e le presentazioni pompose e ingannatrici. Una novità introdotta da questa guida sono le schede narranti, più coinvolgenti e meno asettiche per il lettore. Il punteggio esprime esclusivamente la qualità della cucina e i ristoranti con i punteggi più alti sono valutati in cappelli (da 1 a 3 a seconda del punteggio); dettagli e impressioni su ambiente, cantina e servizio vengono raccontati direttamente nel testo.  Nella guida 2013 i primi tre ristoranti d’Italia sono: Osteria Francescana a Modena, La Pergola a Roma e Le Calandre a Rubano in provincia di Padova.Gambero Rosso 2014Ristoranti d’Italia Gambero Rosso: pubblicata per la prima volta nel 1990, diventa da subito una delle guide più in vista insieme alla Michelin e a quella de L’Espresso. La guida del Gambero arriva in un momento di grande sviluppo per la critica enogastronomica nostrana, stimolata dal nascere di svariate realtà relative al mondo del cibo: nel 1987 nasce la casa editrice Gambero Rosso e viene pubblicata anche la guida vini d’Italia, insieme ad Arcigola, poi evoluta nell’odierna Slow Food. Il metodo di valutazione del Gambero Rosso tiene conto di tutti gli aspetti di un ristorante: cucina, cantina e servizio. I ristoranti migliori vengono classificati in forchette (fino a 3, a seconda del punteggio), mentre le impressioni del critico e i piatti più interessanti vengono raccontati nei testi delle schede. Nell’edizione 2013 le tre forchette con il voto complessivo di cucina, cantina e servizio più alto (95) sono state assegnate a: Osteria Francescana, chef Massimo Bottura; Casa Vissani, chef Gianfranco Vissani e La Pergola, chef Heinz Beck.

Le migliori pizzerie del 2021 in Italia? Ecco i top del Gambero Rosso

Scopri l’ottava edizione della guida pizzerie del Gambero Rosso 2021. La lista dei premiati con il massimo punteggio, i premi speciali e tutte le novità.

Nasce l’Enciclopedia dei ristoranti 3 Stelle, dal 1933 a oggi

Maurizio Campiverdi e Maretti Editore hanno dato vita all’Enciclopedia dei ristoranti 3 stelle Michelin, un’opera che comprende i locali dal 1933 a oggi.

Guida L’Espresso, Vizzari: l’edizione 2021 non uscirà in autunno

Enzo Vizzari, direttore della Guida Ristoranti dell’Espresso, ha annunciato che l’edizione 2021 non uscirà in autunno come gli anni precedenti.

Michelin: il Coronavirus non cambierà l’importanza delle nostre stelle

La Guida Michelin ha confermato le uscite per il 2021, al limite con qualche ritardo, ribadendo l’importanza delle stelle anche nelle circostanze attuali.

We’re Smart Green Guide 2020: i migliori ristoranti veg al mondo

La We’re Smart Green Guide premia i migliori ristoranti venai e vegetariani del mondo: i ravanelli dell’edizione 2020.

In attesa di tempi migliori: i ristoranti stellati si prenotano su The Fork

Michelin e The Fork hanno stretto una partnership per la quale ora è possibile prenotare i ristoranti stellati in guida tramite app.

I migliori della Guida Identità Golose 2020, in attesa del congresso

La Guida Identità Golose 2020 è online: vi raccontiamo tutti i premi speciali, dal miglior chef al servizio di sala, un trionfo di giovani per il 2020.

Michelin e TripAdvisor si uniscono per dominare il business delle prenotazioni

Michelin e TripAdvisor hanno stretto un accordo di unione: ecco cosa significa per entrambi ma soprattutto per utenti e appassionati di cucina.

I Cento 2020: i migliori ristoranti di Torino, Milano e Roma

Sono uscite le guide I Cento 2020: quest’anno le città di cui scoprire i 100 migliori indirizzi gastronomici sono Torino, Milano e Roma.

Le migliori pasticcerie d’Italia secondo la guida Gambero Rosso 2020

Siamo stati alla presentazione della guida Pasticceri e pasticcerie d’Italia 2020 del Gambero Rosso: ecco quali sono i vinicitori dei premi.

Quali sono le pizzerie migliori d’Italia? Lo dice Gambero Rosso 2020

La Guida Pizzerie d’Italia 2020 del Gambero Rosso è uscita: vi raccontiamo quali sono le pizzerie migliori e tutti gli altri premi della guida.

Quali sono le migliori osterie d’Italia secondo Slow Food?

Sta per uscire la trentesima edizione della guida firmata Slow Food sulle Osterie d’Italia 2020: ecco quali sono le novità.

I migliori ristoranti di Milano secondo la guida del Gambero Rosso 2020

Siamo stati alla presentazione della guida di Milano e Lombardia 2020 del Gambero Rosso: ecco quali sono i migliori ristoranti in città.

Roma e il meglio del Lazio 2020: la nuova guida del Gambero Rosso

Roma e il meglio del Lazio 2020 è la guida di Gambero Rosso ecco chi sono i ristoranti, le trattorie e gli altri locali premiati.

Le migliori gelaterie italiane del 2019 secondo il Gambero Rosso

La nuova guida Gelaterie d’Italia 2019 del Gambero Rosso ha decretato le migliori gelaterie italiane di quest’anno, con 5 new entry.

1 2 3 4 5 6 »