Pan’Cot, il temporary dei ragazzi del D’O di Davide Oldani

29 Aprile 2021

Per il momento Davide Oldani ha deciso di non riaprire il suo D’O. Due stelle Michelin, il ristorante di San Pietro all’Olmo, Cornaredo, suo paese d’origine in provincia di Milano, rimarrà chiuso ancora un po’. Ma in qualche modo riparte comunque, più precisamente da un temporary, ideato dai suoi ragazzi, nel pieno rispetto delle norme vigenti. Una tensostruttura all’aperto in piazza della Chiesa, proprio davanti al ristorante, ospiterà infatti fino alla fine di maggio Pan’Cot, che mette al centro uno dei prodotti proposti dallo chef al Camparino di piazza Duomo, studiato insieme alla brigata, dotato di uno suo marchio e declinato con attenzione alla stagionalità.

Pan’Cot – ha spiegato Oldani in un’intervista – è un pane arrostito, che si rifà a una ricetta tradizionale del territorio. Un pane a forma di ciambella, al centro del quale mettiamo la varietà della cucina milanese e italiana“. I Ragazzi del D’O – Davide Novati, Manuele Pirovano, Alessandro Procopio, Wladimiro Nava, Matteo Romanò, Riccardo Merli e Filippo Amodeo – saranno dunque aperti a pranzo e a cena per 6 giorni alla settimana, con una proposta decisamente differente rispetto a quella del ristorante. “Adesso bisogna stare all’aperto e ci adeguiamo alle regole – ha concluso Oldani – in attesa del nuovo decreto che ci dirà se a giugno possiamo riaprire“.