Cosa ci succede se ingeriamo troppi zuccheri?

27 Luglio 2019

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, solo il 5% delle calorie che assumiamo ogni giorno dovrebbe provenire da zuccheri aggiunti, ovvero 25 grammi, circa 6 cucchiaini da tè. il limite quotidiano sarebbe di 25 grammi Questo limite è difficilmente rispettato nella dieta occidentale, caratterizzata troppo spesso da un consumo eccessivo di cibi industriali e confezionati, o di alimenti processati che contengono zuccheri nascosti. Infatti quando parliamo di zuccheri presenti nella nostra alimentazione non dobbiamo solo pensare al cucchiaino o alla bustina che aggiungiamo al caffè ma a tutti quelli che che sono aggiunti agli alimenti e alle bevande industriali. Si trovano anche in alimenti insospettabili come il ketchup, le zuppe o i minestroni pronti, il pane in cassetta, i cereali da colazione e altri alimenti tipicamente industriali. A questi aggiungiamo anche il consumo dovuto agli zuccheri naturalmente presenti in alimenti di largo consumo come nel miele, negli sciroppi, nei succhi di frutta, nelle marmellate o negli snack.

Quando assumiamo troppo zucchero però il corpo ci invia dei segnali inequivocabili: stanchezza cronica, pelle spenta, aumento di peso, glicemia alta, ipertensione, fino alla depressione, e tutto ciò rende necessario ridurne drasticamente il consumo. Purtroppo non è semplice perché lo zucchero crea una vera e propria dipendenza. La prima regola da ricordare per ridurne il consumo è leggere sempre le etichette nutrizionali, analizzando la lista degli ingredienti, la seconda regola è imparare a riconoscere i segnali che il nostro corpo ci invia. Vediamo in particolare quali sono quelli da non sottovalutare.

  1. Pelle spenta e comparsa di acneUno dei primi segnali dell’eccessivo consumo di zuccheri è visibile sulla pelle, che può apparire spenta e opaca e reagire con la comparsa di brufoli o acne. Troppi zuccheri, infatti, contribuiscono a uno squilibrio degli ormoni durante il ciclo mestruale. Lo zucchero, inoltre, determina il rilascio di insulina, un ormone che può anche aumentare l’attività delle ghiandole sebacee nella pelle e attivare i processi infiammatori, aumentando il rischio di riacutizzazione dell’acne.
  2. Stanchezza cronicaSe durante la giornata il consumo di zuccheri batte quello degli altri nutrienti, possiamo avere una sensazione di stanchezza e fame, soprattutto tra un pasto e l’altro. Questo perché lo zucchero provoca un picco di energie momentaneo che dopo poco si riduce drasticamente raggiungendo livelli inferiori a quelli normali (ipoglicemia). Per superare questa mancanza di energie si tende a consumare nuovamente zuccheri che non fanno altro che aumentare e alimentare questo circolo vizioso. Per mantenere equilibrati i livelli di energia bisogna evitare di mangiare dolci o snack industriali e zuccherini. Meglio optare per proteine ​​magre, grassi sani e fibre per mantenere un livello di zucchero nel sangue più uniforme nel tempo, senza cali o picchi di energia.
  3. Dipendenza dai dolciÈ noto che l’assunzione di zucchero determina il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che ci tiene di buon umore e ci da una sensazione piacevole. Questa sensazione spinge il nostro cervello a richiedere di nuovo l’assunzione di zucchero. Per questo la voglia incontrollabile di mangiare dolci ci deve allarmare, poiché è un indice di un eccessivo consumo di zuccheri durante la giornata. 
  4. Aumento di pesoUn effetto indesiderato dell’eccesso di zuccheri è l’aumento di peso ed in particolare l’aumento della circonferenza vita per accumulo di grasso viscerale. Questo succede perché un alto livello di zucchero nel sangue aumenta la produzione di insulina, un ormone anabolizzante, che immagazzina lo zucchero in eccesso come grasso nel tessuto adiposo.
  5. Formazione di carieI batteri della bocca si nutrono di zuccheri creando acidi dannosi che si combinano con la saliva e provocano la formazione di placca. Se i denti non vengono lavati subito, la placca si accumula erodendo lo smalto e dando il via alla formazione di carie. 
  6. Glicemia alta con rischio diabeteSe l’assunzione di zuccheri è eccessiva e costante nel tempo si può instaurare un’iperglicemia, ossia un aumento del glucosio nel sangue, con le conseguenze ad essa legate. In particolare l’iperglicemia porta con se un aumento del rischio di insulino-resistenza, pre-diabete o diabete.