Home News Bevande Strano ma vero, Trieste è la capitale italiana del caffè

Strano ma vero, Trieste è la capitale italiana del caffè

di Claudia Bartoli

Trieste è la capitale del caffè: sede del porto di caffè più importante del Mediterraneo, è anche la città Italiana dove se ne beve di più.

Sembra assurdo ma la capitale del caffè non è Napoli, bensì, a potersi fregiare di questo titolo è la città della bora. Trieste, infatti, è la sede del più importante porto di caffè del bacino Mediterraneo e non solo: è anche il luogo in cui viene prodotta una delle marche della bevanda scura più importanti d’Italia. Può sembrare strano che la capitale del caffè, anche se non ufficiale, sia questa città posta al confine nord-est della nostra Penisola, ma è tutto vero. Sono proprio i suoi abitanti, infatti, a detenere il record del consumo del nettare nero che in Italia si comincia a sorseggiare appena si aprono gli occhi la mattina, fino alla sera, quando, spesso si beve per concludere il pasto, magari insieme a un digestivo. I triestini ne bevono razione doppia: 10 kg di chicchi di caffè all’anno, due volte rispetto agli altri connazionali.

Ma Trieste è anche la città di Illy, uno dei marchi più importanti di caffè. La storia che lega il caffè a questa città è antica: il commercio iniziò con l’arrivo dei chicchi dall’Impero ottomano e ben presto Trieste cominciò a rifornire tutto l’impero Austro-Ungarico, comprese le famose caffetterie di Vienna, in cui la bevanda era già molto apprezzata da artisti e intellettuali. Ecco come Trieste è entrata nel business allora e continua ad essere il luogo dove il caffè è protagonista. E cosa è certa: bere il caffè camminando è sacrilegio; sorseggiare questa bevanda è un rito, un piacere per godere del quale è necessario stare comodi e prendersi il giusto tempo, al tavolino di un bar.