How to: cosa comprare per un perfetto aperitivo estivo

26 giugno 2015

Siamo sinceri: ci vuole coraggio a chiamare aperitivo quel piattino di wurstel infilzati con gli stecchini; riferitevi alle cose col loro nome, dite: “Ti invito a mangiare wurstel crudi infilzati con gli stecchini”. Per preparare un grande aperitivo non dovete essere né Diego della Valle, né Paris Hilton: non servono ingenti capitali per servire un aperitivo estivo gradevole non servono ingenti capitali o una quantità smodata di tempo. Potrebbe invece servirvi una terrazza, ma se non ce l’avete sapremo accontentarci di aprire la finestra.  Niente estasierà i vostri ospiti come l’illusione della libertà: confondeteli con una studiata varietà di piatti, bicchieri, salse, tovaglioli di colori diversi; mentre compongono i loro stuzzichini, assaggiano dal vicino, scambiano qualche battuta, dimenticheranno che avete comprato tutto di corsa al supermercato e passeranno una gradevolissima ora prima della cena. A proposito, da definizione, l’aperitivo è  un pre-dinner; siamo seri: precede la cena, non la sostituisce. Ecco 10 elementi che  non possono mancare nella lista della spesa per un perfetto aperitivo estivo.

  1. belliniAlcolici. Elegante, classico, senza troppo da aggiungere, il prosecco resta un riferimento ideale, servito freddo e bevuto con vera intenzione da uomini di mondo (valgono poi tutte le varianti come Bellini, Rossini, Spritz e via discorrendo); tuttavia, se è vero che il successo degli aperitivi dipende dalla varietà, non dimenticatevi di proporre una nota inusuale con birre artigianali scelte. I più coraggiosi, o semplicemente esperti, potranno arrischiarsi nella preparazione di colorati cocktail (ma se volete, c’è il Campari soda già pronto) o riproporre vecchie glorie come il Negroni.
  2. soft drinksAnalcolici. La lista degli analcolici da pre-cena è lunga e variegata: Crodino e Sanbitter sono dei classici, ma l’aperitivo è proprio l’occasione giusta per rispolverare l’acqua tonica nella sua eterea purezza, con quel gusto sferzante che fa sempre contrarre la bocca prima a sinistra, poi a destra; potete poi aggiungere succhi tropicali (che danno vitalità) e le più note bibite gassate (per accontentare proprio tutti); approfittate infine per riproporre bibite sfiziose dal fascino vintage: cedrate, chinotti, gassose, spume, con cui rimembrare aperitivi passati.
  3. Patatine in bustaPatatine. Di solito pensiamo a quelle rancide, spezzettate e toccate da mille dita dei peggiori bar, in realtà le patatine, croccanti e gustose, restano uno sfizio sempre attuale. Che si tratti delle classiche o decidiate di sperimentare gusti all’avanguardia, rassicureranno anche gli ospiti più conservatori: ognuno potrà mangiarne qualcuna durante i saluti e spingersi solo in un secondo momento verso i cibi meno riconoscibili.
  4. oliveOlive. Le olive sono perfette, ma bisogna fare molte considerazioni. Le olive ascolane dovrebbero essere iscritte tra i patrimoni Unesco, ma sceglietele solo se avete la possibilità di servirle calde; in tutti gli altri casi, non cedete ai pacchi convenienza con tantissime olive rinsecchite. Prendetene poche e buone, sperate che i vostri ospiti siano educati e parchi. E soprattutto premuratevi di pensare a un posto in cui riporre i noccioli: il mondo è pieno di gente che gira da anni con fagotti di fazzoletti in cerca di un secchio.
  5. bruschette misteBruschette. Non fatevi prendere dal panico, dovete solo tagliare il pane a fette e scaldarlo. Se spalmare la miriade di salse che avete acquistato su ogni bruschetta può diventare un’operazione drammatica (dipende dal numero degli invitati), disponete il pane caldo su un piatto e lasciate che ognuno scelga il paté preferito dai moltissimi che avrete aperto e messo a disposizione sul tavolo. Affinché a nessuno venga in mente di fare quel che faceva Christian De Sica in Ricky e Barabba (per i non cinefili:  cospargere il caviale con l’unghia del mignolo), approntate coltelli per spalmare, quanti più possibile.
  6. SalumiAffettati. Gli affettati ci fanno sempre felici. Se il commesso del banco vi rivolge la proverbiale domanda: “È venuto un po’ di più, che faccio: lascio?”, sì, rispondete di sì: fate lasciare. Gli affettati devono essere vari (sceglietene almeno 3 tipi) e freschi; potete servirli a fette o tagliarli in pezzetti piccoli, in modo che siano facili da prendere e facili da mangiare: si sa di molta gente soffocata dal grasso del prosciutto.
  7. salmone alla svedese  (4)Pesce affumicato. Lo trovate al banco frigo e dà subito un tocco vintage e chic al vostro buffet. Anche in questo caso, bocconcini minuti (soprattutto perché costa parecchio). Accompagnateli con limone, olio o burro, magari qualche grano di pepe rosa. E subito il vostro balcone in centro diventerà  la terrazza di una nave (si far per dire).
  8. FormaggiFormaggio. Se siete di quelli che sanno mettere il formaggio dappertutto, potete comporre gustose salse con cui guarnire involucri di pasta sfoglia, di melanzane, di bresaola, i fiori di zucca, le foglie di indivia. Ma per un aperitivo riuscito basta molto meno: comprate 3 o 4 formaggi diversi e organizzate una piccola degustazione. Le salsine con cui li accompagnerete (per citarne qualcuna: cipolle rosse, composta di pere, glassa di aceto balsamico, mele cotogne sciroppate) conferiranno quel senso di libertà in grado, da solo, di giustificare tutto il buffet.
  9. Tramezzini  still life 1Tramezzini. Tagliateli a metà e poi ritagliateli ancora: devono essere così piccoli da poterne mangiare quattro senza sensi di colpa; inoltre, il tramezzino così ridotto ci permetterà di sbocconcellare e intanto continuare amabilmente a parlare: cibo e chiacchiere devono  sempre costituire la linea-guida del vostro aperitivo.
  10. pinzimonioPinzimonio di verdure. Per accontentare anche la più capricciosa delle amiche vegane e rinfrescare la bocca, procuratevi un trionfo di verdure crude; basterà sciacquarle bene e poi tagliarle a pezzetti regolari. Però accanto, per voi, solo per voi che in fondo siete dei gourmet, preparate una squisita salsa. Proposte: la classicissima tartara, il guacamole per un tocco esotico, salsa verde con le acciughe per uno sprint di sapore.

I commenti degli utenti