Blue Java: la banana blu che sa di vaniglia

4 Aprile 2019

La mangereste una banana blu? Non rispondete subito e d’istinto, aspettate. Dovete prima sapere che non si tratta del risultato di una modifica genetica e che no, il viagra non c’entra proprio niente. Ha fatto tutto Madre Natura, quindi siamo in una botte di ferro. La Blue Java nasce proprio così, di questo colore, ed è facilissimo trovarla nei Paesi del Centro America, in quelli del Sudest asiatico, alle Hawaii, alle isole Fiji. È deliziosa, la Cavendish impallidisce al suo cospetto.

La banana che sa di gelato

La Blue Java è chiamata anche Ice Cream Banana perché la sua polpa (candida, invitante) è cremosa, quasi come quella del gelato, e si scioglie in bocca; il sapore è incredibilmente dolce e l’aroma ricorda molto la vaniglia. L’albero non teme il freddo, sopravvive anche quando la temperatura scende a -7/-8 °C; raggiunge i 5 metri e mezzo di altezza e i 3 metri di larghezza. Il frutto appare leggermente più corto delle comuni banane Cavendish e, quando è acerbo, la buccia assume una colorazione blu-verde (da qui il nome). Poi, via via che il processo di maturazione avanza, la buccia diventa di colore giallo tenue.

Come si mangia

La banana blu, come del resto tutte le sue sorelle, è perfetta anche quando è semplicemente sbucciata e addentata. Per il resto, si può tranquillamente utilizzare come le altre banane: per la preparazione di frappè, di frullati, torte, pancake, plumcake. Quando incontra il gelato, è un trionfo di gusto. Con una glassa al cioccolato, è estasi allo stato puro. Di contro, sconsigliamo di cimentarsi con le banane blu caramellate perché questi frutti, già di per sé, sono parecchio dolci.

Come trovarla

Avvertite l’urgenza di provare la Blue Java? È facile, sono diversi gli e-commerce – naturalmente non italiani – che la propongono in vendita: basta digitare il suo nome e comparirà una nutrita lista. Sappiate anche che molti utenti scelgono di acquistare non i frutti, bensì le relative piante: sono piccole, alte circa 12 centimetri, e non richiedono particolari cure. L’importante è che ricevano la giusta luce. Nel giro di 9 mesi, compare il primo frutto. Chi lo desidera può anche ordinare online un albero, che ovviamente è più impegnativo ma dà maggiori soddisfazioni. Ve la immaginate, la faccia del vicino di casa, quando noterà che le vostre banane sono blu?