Home Cibo Si possono congelare le ciliegie?

Si possono congelare le ciliegie?

di Marta Manzo

Congelare le ciliegie si può fare: preservare per qualche mese la bontà di questo frutto tardo primaverile è un’ottima idea e vi spieghiamo come fare.

Un altro frutto che siamo inclini a ricercare tutto l’anno, ma che vive di poca, naturale, disponibilità stagionale, sono le ciliegie. Reperibili da maggio fino, al massimo, a luglio, sono uno di quei prodotti – insieme per esempio alle fragole di cui vi avevamo già parlato qui – che con alcune accortezze si possono tranquillamente congelare, per essere agevolmente consumate quando se ne ha di nuovo voglia, durante tutti i mesi che restano scoperti. D’altra parte le ciliegie sono così: una tira l’altra. Congelare le ciliegie non è certamente un’operazione difficoltosa, a patto però di seguire alcuni suggerimenti che consentono di mantenerne inalterati sapore e proprietà nutrizionali. Vediamoli.

  1. Un’accurata selezione. Non troppo acerbe, non troppo mature: le ciliegie che ci apprestiamo a congelare devono essere sode, sane e lucide, senza difetti o ammaccature. Bisogna lavarle con cura, magari con acqua e bicarbonato o con acqua e vino, e asciugarle con rinnovata attenzione. Rispetto a quello delle fragole il loro ammollo può durare un po’ di più, a patto di lasciar loro il picciolo, per evitare infiltrazioni all’interno.
  2. Diversi usi, diversi metodi. Una volte totalmente asciutte siete dunque pronti a congelare, scegliendo il metodo a seconda dell’uso che farete del frutto. Riponete le ciliegie intere, disponendole a congelare distanziate su un vassoio, se ne avrete bisogno per un normale consumo. Qui potete lasciare o meno il picciolo, sempre tenendo conto che una volta scongelato non tornerà più di quel bel verde brillante. Valutate voi. Congelatele, invece, senza noccioli o già tagliate a metà se vi serviranno in futuro per decorare dolci e dessert. In ogni caso decidete, come sempre, a monte, le porzioni che avrete intenzione di consumare.
  3. Zuccherate. Tecnica consolidata, uguale a quella utilizzata con le fragole, è di cospargere le ciliegie di zucchero prima di congelarle. Intere, a pezzi, sarà sufficiente passarle nello zucchero semolato (o spargerlo sul vassoio direttamente), quindi riporlo in freezer per il congelamento. Analogo discorso vale per la conservazione con congelamento in sciroppo di zucchero: in questo caso, però, private i singoli frutti del loro picciolo, così che sia più semplice inserirne un quantitativo maggiore in ogni barattolo.
  4. Quanto durano. Non ci stanchiamo mai di ripeterlo: scrivete sulle confezioni la data di congelamento. E, se volete essere ancor più zelanti, magari anche la grammatura. Le ciliegie regolarmente congelate si mantengono, così, in freezer per un periodo di circa 6-8 mesi. Una volta deciso di consumarle, tiratele fuori dal congelatore e passatele in frigo, per evitare lo shock termico. Anche se, in realtà, potete consumarle anche da congelate, magari affogate in uno yogurt.