10 ricette per usare lo zenzero in cucina

26 gennaio 2016

Lo zenzero è una spezia dalle molteplici proprietà considerate miracolose. È una radice molto diffusa e usata anche in occidente. È utilizzata per insaporire piatti dolci e salati, per aromatizzare bevande, liquori e tisane, lo zenzero fresco è più pungete di quello essiccato o in polvere, più amabile ma i suoi benefici sono riconosciuti soprattutto nel curare disturbi gastrointestinali e alcune malattie. Lo troviamo fresco, essiccato o in polvere, candito e come olio essenziale. Lo zenzero fresco ha la forma di una radice nodosa beige e la polpa bianca all’interno. Il suo è un gusto molto pungente a differenza di quello essiccato o in polvere che, pur conservando inalterati i principi nutritivi, ha un sapore più amabile. Come possiamo cucinare con lo zenzero? Agrodolce propone 10 ricette che vi aiuteranno a utilizzarlo nelle vostre preparazioni.

  1. pain d'epicesPain d’épices. il pan di spezie è tipico della pasticceria francese natalizia. La base di miele, farina di segale e frumento, è arricchita da un mix di cannella, zenzero, anice stellato, noce moscata e pepe garofanato, che gli conferisce un’aromaticità inconfondibile. La ricetta è molto antica, tanto da non riuscire a risalire all’originale. Si pensa che sia nata in Cina intorno al X  secolo, quando era diffuso un pane al miele e alle erbe aromatiche, consumato abitualmente come alimento. Del pain d’épices troviamo diverse versioni: chi aggiunge la scorza d’arancia, chi invece ci mette l’acqua di fiori d’arancio o ancora i semi di finocchio, tutte ricette legate a tradizioni familiari o a particolari zone.
  2. still_life_hariraHarira. Zuppa tipica della cucina araba, marocchina in particolare, è un piatto sostanzioso, a base di carne, verdure e legumi, e molto aromatico che mescola i profumi della cucina mediterranea e mediorientale attraverso l’uso di spezie quali curcuma, coriandolo, cannella, paprika, prezzemolo, zenzero e zafferano. Per ottenere una zuppa più densa si può utilizzare acqua e farina oppure un po’ di khmira baldiya, un particolare impasto per pane; c’è chi semplicemente consiglia di cuocerla a lungo per farla addensare. Oltre a essere usato come primo piatto dopo il Ramadam, l’harira è anche servita in occasioni speciali, come i matrimoni.
  3. kebab di polloKebab di pollo con cipolla rossa. È un piatto di origine turca a base di carne, diffuso in tutti i paesi occidentali e uno dei cibi da strada più consumati al mondo. La carne è prima fatta marinare in un succo di lime e limone e condita con cumino, zenzero e paprika. Si possono aggiungere spezie o erbe aromatiche a proprio gusto e qualche spicchio di cipolla rossa di tropea che oltre a dare croccantezza, sgrassa gli spiedini.
  4. Still life zuppa di pollo indianaLa zuppa di pollo speziata è un secondo piatto tipico della cucina indiana caratterizzata da un sapiente mix di spezie indiane di cui non si deve però eccedere. Vanno bene coriandolo, cardamomo, cumino, cannella, zenzero, curcuma e pepe. La preparazione della ricetta prevede per prima cosa di soffriggere l’olio con le spezie non macinate – cannella, cumino e cardamomo – , poi vengono l’aggiunta di zenzero fresco grattugiato e l’aglio sbucciato e schiacciato. In un secondo momento si aggiungono i pomodori cubettati, la cipolla e le spezie in polvere. La doratura del pollo su tutti i lati e la cottura con coperchio a fuoco lento, garantiranno la morbidezza e il gusto alla carne. Si può aggiungere un chiodo di garofano al soffritto e uno scalogno tritato finemente.
  5. Still life calamari al fornoCalamari panati al forno. È una ricetta molto semplice per la quale è necessario che i calamari siano puliti bene, tagliati ad anelli e panati con grissini tritati, prezzemolo fresco, paprika affumicata e zenzero in polvere. Ottimi sia come finger, che come antipasto e anche come secondo piatto di pesce accompagnato da un contorno di stagione.
  6. ketchup still lifeKetchup casalingo. Questa è una salsa a base di pomodoro utilizzata per condire piatti di carne o arricchire altre salse. La ricetta viene dall’Oriente e solo nel 1700 si aggiunse il pomodoro. Quella che conosciamo noi fu invece brevettata nel 1870 da un’industria americana che riuscì ad intrecciare ingredienti contrastanti in un perfetto equilibrio di sapori.
  7. polpette di tacchino2Polpette di tacchino con salsa yogurt. La cottura al forno di questo piatto, rende le polpette un piatto dietetico e leggero rispetto a quelle classiche fritte. Al carne di tacchino si possono aggiungere erbe aromatiche, formaggio, salumi, pomodori secchi o spezie. La salsa di accompagnamento conferisce freschezza al piatto oltre ad un piacevole contrasti di sapori: zenzero, erbe aromatiche e miele, riducono l’acidità dello yogurt -ingrediente principale della salsa- e donano un gusto deciso dagli aromi esotici.
  8. torta di mele e cannella-1 copiaTorta di mele e cannella. Un dolce ideale da tè. Soffice, profumata e speziata, ha di base un composto di frutta cotta in padella col burro, zucchero e spezie versato nello stampo e coperto da un impasto di uova, burro e farina ben setacciata per garantire sofficità al dolce. La torta va servita capovolta e accompagnata con crema inglese o ciuffi di panna montata.
  9. chutney al pomodoroChutney di pomodoro e zenzero. Questa è una ricetta che ha origine in India ed è molto amata anche in Inghilterra. I pomodori da scegliere per questa preparazione devono essere maturi ma sodi, con polpa consistente ma succosa, e l’aceto dev’essere quello rosso, più amabile di quello bianco. L’aggiunta di cipolle e aglio gli conferiscono un sapore forte che si abbina bene con il pollo.
  10. chutney di meleChutney di mele e zenzero. Il chutney di mele è una salsa molto amata in America per il suo gusto agrodolce. È un perfetto accompagnamento alle carni bianche arrostite che si prepara con mele Pink Lady. Chutney, in sanscrito chatni, significa molto speziato, infatti il gusto originale è molto intenso. Si possono aggiungere paprika, semi di senape tritati, peperoncino, pepe di Cayenna oltre che uvetta sultanina e succo di arancia.

I commenti degli utenti