La carne più costosa del mondo: dry aged wagyu beef

5 maggio 2016

Cosa succede quando l’amore statunitense per la carne e le lunghe frollature incontra i grassi e teneri manzi giapponesi? Nasce una delle delizie gastronomiche più care e desiderate degli ultimi anni: il dry aged wagyu beef. il wagyu originale può essere importato legalmente in italia soltanto dal 2014 Il nome si traduce letteralmente come manzo giapponese frollato a secco; ma il significato include bocconi concentrati di carne e sapore, da far sciogliere sulla lingua fetta dopo fetta. Anche se in Italia siamo abituati da tempo ad andare oltre agli hamburger e ai sushi bar, può risultare difficile immaginare un incontro culinario del genere: il wagyu originale può essere importato legalmente negli Stati Uniti solo dal 2012 (dal 2014 in Italia), ma il risultato soddisfa senza dubbio le migliori aspettative.

wagyu beef

Il segreto è nel procedimento quanto nella materia prima: il dry aging, o frollatura a secco o a osso, è infatti un processo che consente di rendere i migliori tagli di carne ancora più teneri e saporiti. È utilizzato anche in Italia, nelle macellerie o nei ristoranti specializzati: la maturazione avviene in locali ventilati e può durare da una settimana a oltre un anno, anche se la media è di 28 giorni. In questo periodo le fibre perdono i liquidi in eccesso, i sapori si concentrano e il peso si riduce del 20-30%; allo stesso tempo, gli enzimi naturalmente presenti rendono la carne più tenera e adatta alla cottura. Sull’esterno dei grandi tagli lasciati a maturare si forma uno scuro strato protettivo, che previene la proliferazione batterica.

dry aged wagyu beef 2-min

La frollatura a osso ha però successo solo con i migliori tipi di carne, sufficientemente innervati di grasso: per questo il manzo giapponese, per sua natura marmorizzato da sottili venature bianche, è il candidato ideale. Wagyu, in giapponese, significa in realtà solo carne di manzo: pur lasciando da parte le leggende sui buoi nutriti a birra e sakè e amorevolmente massaggiati, tutte le razze di manzo del Sol Levante sono state selezionate per secoli al fine di garantire un’attenta distribuzione del grasso e dei sapori. Sono carni ricche di grassi insaturi, che letteralmente si sciolgono alla temperatura corporea e quindi al contatto con la lingua; eccessivamente grasse per un hamburger o una bistecca, sono perfette per carpacci e piccoli assaggi appena scottati.

wagyu beef 2

La combinazione tra dry aging e wagyu determina così una concentrazione del gusto del tutto inedita. Si dice che pochi bocconi siano in grado di soddisfare i palati più esigenti: verificarlo non è semplice, perché in Italia l’incontro fra manzo giapponese e lunghe frollature non è ancora diffuso. Se ve ne capitasse l’occasione, mettete da parte le pentole e limitatevi a una scottata in padella o sulla griglia. Anche se c’è chi, avendo avuto modo di assaggiare il wagyu maturato per quasi quattordici mesi, assicura che il dry aged wagyu beef sia ottimo anche crudo.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti