5 gelati vegani da preparare senza gelatiera

25 giugno 2015

Avete voglia di un gelato ma volete che sia vegano? La soluzione è prepararvelo a casa usando frutta fresca e altri ingredienti: non è necessario avere una gelatiera per preparare dei gelati alla frutta vegani, basta un frullatore a immersione o un semplice robot da cucina per dare al composto finale la consistenza cremosa di un gelato classico. non serve la gelatiera, basta un frullatore a immersione o un robot da cucina Ovviamente la scelta delle materie prime è fondamentale, perché unire gusti diversi non sempre porta i risultati sperati. In tutti i casi, quando si utilizza il latte (di soia o di altro tipo) è bene prevedere sempre un ammontare di frutta o ingredienti solidi pari al doppio dei liquidi, altrimenti si otterrà un composto liquido e difficile da far rapprendere in congelatore. Di seguito vi proponiamo 5 idee per preparare un gelato vegano e naturale a casa, senza l’uso della gelatiera. Tutte le proposte possono essere adattate anche usando una gelatiera: basta solamente trasferire i composti dentro il boccale della stessa selezionando il programma desiderato per far compattare il gelato da trasferire in congelatore per 30 minuti o massimo 1 ora dopo la preparazione.

  1. gelato alla bananaAlla banana. Re dei gelati vegani, quello alla banana è semplicissimo da preparare. Basta spezzettare una banana e metterla in congelatore per una notte quindi frullarla fin quando non si ottiene una crema simile al gelato. Per un sapore diverso si possono aggiungere burro di arachidi, scaglie di cioccolato o pistacchi.
  2. gelato al cioccolatoAl cioccolato. Per prepararlo serve cioccolato fondente, latte di soia, panna di soia e zucchero di canna. Dopo aver sciolto il cioccolato a bagnomaria, versatelo in un pentolino con il latte di soia per farlo scaldare; appena caldo aggiungete la panna di soia e lo zucchero mescolando di continuo fino a bollore. Il composto va versato in una vaschetta o ciotola, meglio se di alluminio, e lasciato in congelatore per almeno 6 ore, avendo cura di smuoverlo spesso per le prime 3 ore, in modo da evitare la formazione di cristalli di ghiaccio usando un frullatore a immersione.
  3. gelato al meloneAl melone. L’ingrediente principale di questo gelato vegano è il melone, da frullare con acqua e zucchero di canna qualità Demerara, fin quando non si ottiene un impasto omogeneo. Il composto va poi versato in una ciotola di plastica e messo in congelatore dove deve restare per almeno 4 ore, avendo cura di mescolare spesso per le prime 2 ore in modo che l’acqua prodotta dal melone frullato non si cristallizzi. Con la stessa ricetta si possono preparare anche gelati vegani all’anguria e alle pesche.
  4. gelato vaniglia e mentaAlla vaniglia e menta. Per preparare questo gelato c’è bisogno di latte e panna da cucina di riso o soia, zucchero di canna qualità Demerara, vaniglia in polvere e sciroppo alla menta. Dal momento che non ci sono uova, il processo di pastorizzazione non è necessario ma il composto, siccome è molto liquido, dovrà riposare in congelatore per un tempo più lungo del normale per assumere la consistenza cremosa del gelato. Portate a bollore latte, panna, zucchero e vaniglia quindi, una volta pronto, aggiungete lo sciroppo alla menta freddo, frullate il tutto e versate in una ciotola di alluminio. Lasciate in congelatore per almeno 8 ore, avendo cura di mescolare per le prime 3-4 ore in modo che non si formino grumi o cristalli di ghiaccio.
  5. gelato alla fruttaAl liquore e frutta. Un’idea da realizzare adatta ai più grandi per un gelato vegano dai sapori caraibici. Serve latte di riso, polpa di cocco, polpa di pesche e di albicocche in quantità superiore rispetto al latte, zucchero di canna bianco e liquore, possibilmente rum. Fate scaldare ma senza portare a bollore il latte di riso con lo zucchero mescolando in modo da far sciogliere per bene lo zucchero. Frullate le polpe di pesca, albicocca e cocco e trasferitele in una brocca aggiungendo anche il latte. Frullate tutto per bene in modo che non si formino grumi e versate, continuando a mescolare, il rum in quantità a piacere. Una volta pronto versate in una ciotola abbastanza lunga e mettete in frigo lasciando raffreddare per almeno 8 ore e mescolando ogni 30 minuti per le prime 5 ore in modo che non si formino cristalli di ghiaccio.

I commenti degli utenti