Come il velluto: la salvia

25 ottobre 2015

La salvia è un arbusto sempreverde di piccole dimensioni. Diffusa nei paesi del bacino del Mediterraneo, in Italia può crescere in maniera spontanea, per cui è possibile trovarla e raccoglierla in zone dal terreno ben drenato, senza ristagni d’acqua. è una pianta aromatica della famiglia delle lamiaceae, come il timo e la menta Per riconoscerla bisognerà cercare un cespuglio formato da fusti a loro volta divisi in numerosi rami. Ogni ramo è ricco di foglie, generalmente di colore grigio-verde, ricoperte di peluria e di forma allungata, attaccate per il picciolo; mentre i fiori sono raggruppati come a formare piccole pannocchie e, a seconda della specie (ce ne sono quasi un migliaio), possono essere bianchi, azzurri, violacei o addirittura rossi. Quello che più di tutto vi aiuterà a riconoscerla sarà l’olfatto: la salvia infatti è una pianta aromatica della famiglia delle Lamiaceae, come il timo e la menta, e strofinando tra le dita le sue foglie sentirete immediatamente sprigionarsi il suo caratteristico profumo intenso e pungente. È importante però non abusare della salvia: l’olio essenziale ricavato dalle sue foglie, infatti, contiene tujoni, sostanze che se assunte in quantità molto elevate possono risultare tossiche.

salvia

In cucina si usa soprattutto la Salvia Officinalis. Conosciuta fin dall’antichità, deve il suo nome alle sue proprietà benefiche. In particolare la salvia ha affetti antisettici e balsamici in grado di alleviare, ad esempio, i dolori del cavo orale; inoltre disinfetta e cicatrizza le piccole ferite della bocca, sbianca i denti e rinfresca l’alito. Ecco 5 idee per usare la salvia in cucina.

  1. salvia frittaSalvia fritta. Se è vero che non è salutare mangiare le foglie di salvia in insalata, ogni tanto ci si può concedere lo sfizio di friggerla. Se non l’avete mai provata, seguite la ricetta di Agrodolce per avere un fritto leggero, intensamente profumato.
  2. pesto salvia e nociPesto di salvia e noci. Un’ottima alternativa al pesto così come siamo abituati a mangiarlo di solito: con la salvia al posto del basilico e le noci invece dei pinoli. La ricetta che vi proponiamo è priva di formaggio in modo che possa essere consumato anche da chi segue una dieta vegana, ma niente vieta di aggiungere parmigiano o pecorino alla preparazione.
  3. gnocchi di castagne2Gnocchi di castagne. Burro, salvia e parmigiano sono uno dei condimenti più immediati e gustosi per esaltare con delicatezza il sapore delle paste ripiene. Un discorso analogo si può fare quando si vuol far emergere il gusto di farine particolari, ad esempio quella di castagne con cui noi abbiamo preparato degli ottimi gnocchetti.
  4. tonno di coniglio 2Tonno di coniglio. Se vi piace la carne di coniglio dovete assolutamente provare questa specialità piemontese: si tratta di straccetti di coniglio insaporiti da aglio e salvia e conservati sott’olio, una vera e propria leccornia da servire fredda come aperitivo.
  5. arrotolato di maialeArrotolato di maiale. La salvia ha un sapore intenso e per questo può donare profumo anche a piatti dagli ingredienti importanti come quelli che compongono l’arrotolato di maiale con albicocche e bacon. Seguite la nostra ricetta, otterrete un piatto completo, adatto da proporre per il pranzo domenicale.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti