Parigina: scoprite cos’è e dove mangiarla a Napoli

11 ottobre 2016

Ha un nome che fa riferimento alla Francia, ma probabilmente poco o nulla ha a che fare con essa. Eppure a Napoli la Parigina è famosissima, quasi quanto la margherita o la pizza fritta. la base ha lo stesso impasto della pizza in teglia, farcita e poi ricoperta con la pasta sfoglia Sempre di pizza si tratta, ma più tendente verso quella che i napoletani intendono per focaccia. La base ha lo stesso impasto della pizza in teglia, farcita con pomodoro, provola, prosciutto cotto e ricoperta con pasta sfoglia. Sulla sua origine ci sono varie teorie, ad esempio si dice che il termine parigina derivi dal modo di dire alla napoletana pa’-regina, ossia per la regina. Quindi diciamo che questa teoria si rifà un po’ alla storia della nascita della pizza margherita. Qualcun altro azzarda la versione che si chiami in questo modo per l’utilizzo della pasta sfoglia, molto diffusa in Francia. In realtà la parigina, come tante altre pietanze tipiche della città di Napoli, esiste da moltissimo tempo: inizialmente si realizzava utilizzando lo stesso impasto della pizza sia per la base che per la copertura.

parigina

La ricetta attuale, che prevede la pasta sfoglia come copertura, è nata negli anni Settanta in una rosticceria di Afragola, stiamo parlando di Sant’Antonio. La ricetta originale, quindi, come abbiamo già detto, prevede nella farcitura i pomodori conditi con olio e sale, un latticino a scelta fra provola o fiordilatte ben asciutto, prosciutto cotto a fette ed una spolverata di pecorino o parmigiano, su una base pizza e ricoperta con pasta sfoglia spennellata d’uovo. Come accade per buona parte dei prodotti tipici di un territorio, esistono poi delle varianti che si diffondono nel tempo: ad esempio, in questo caso, molte rosticcerie, panifici e forni cambiano il ripieno, c’è chi utilizza salsiccia e friarielli o chi la fa con le scarole e c’è ancora chi come impasto la ricopre come si faceva una volta, con quello della pizza, quindi diventano delle vere e proprie pizze ripiene. La parigina è consumata spesso a pranzo, per un pasto veloce, come alternativa alla pizza napoletana, alla pizza fritta o alla classica focaccia. Di solito è presente in tutti panifici, rosticcerie, gastronomie, pasticcerie, spesso messa al fianco della focaccia margherita. Tra Napoli e in provincia ci sono alcuni indirizzi da non perdere per mangiare una buona parigina.

  1. Parigina de La FocaccieraLa Focacciera (via Emanuele Gianturco 89/91 – Napoli): in questa focacceria la parigina si trova sia nella versione classica, sia in tante varianti, tra qui quella con ricotta salame e pomodoro o la parigina con prosciutto, ricotta e mozzarella.
  2. Panificio Ambrosino (via Kerbaker 54, via Scarlatti 49 – Napoli): le due sedi vomeresi del Panificio Ambrosino sono molto note, uno dei motivi del successo è proprio la parte che riguarda la rosticceria, ed in particolare le focacce e la parigina.
  3. Rosticceria VestutoRosticceria Vestuto (piazza G.B. Vico 45/46/47 – Napoli): in pieno centro a Napoli, alle spalle di Piazza Carlo III, c’è questa storica rosticceria conosciuta per numerose pietanze tipiche dello street food partenopeo. Tra frittatine di maccheroni, pizze e piatti della tradizione, ci sono anche le parigine con cui fare un’ottima pausa pranzo.
  4. Mandara (via Ponte di Tappia 92 – Napoli): a pochi metri dalla centralissima via Toledo, una tappa è obbligatoria da Mandara, una gastronomia ricca e di buon gusto. Anche qui c’è l’imbarazzo della scelta, ma la parigina è veramente un must, bella sostanziosa e ricca nella farcitura.
  5. Parigina di BobbPanificio Michelangelo Bobb (viale Michelangelo 27 – Cercola, Napoli): la pizza nel ruoto, ossia in teglia, in provincia di Napoli è targata Bobb. Le trovate in tutte le versioni classiche, dalla margherita, alla salsiccia e patate, all’ortolana, alla salsiccia e friarielli. Ma anche qui potete assaggiare la vostra parigina con provola filante che alla sola vista vi stimola la salivazione.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti