Nasturzio: tutti gli usi in cucina di una pianta particolare

7 novembre 2016

Avete mai pensato di arricchire o decorare i vostri piatti con dei fiori che fossero non sono belli ma anche commestibili? La varietà di piante che possono essere utilizzate in cucina è davvero vasta e non sempre è facile scegliere l’abbinamento vincente che esalti tutti e cinque i nostri sensi. Se volete stupire i vostri ospiti con delle prelibatezze floreali potete optare per il nasturzio, una pianta appartenente alla famiglia delle Tropaeolaceae, originaria del Perù, con dei bellissimi fiori di colore arancio e giallo. Questo tipo di pianta è coltivata in Sudamerica durante tutto l’anno, mentre in Europa la sua coltivazione è riservata soltanto a determinate tipologie ibride che sono diffuse soprattutto nelle regioni dal clima caldo e soleggiato.

nasturzio

Fin dall’antichità il nasturzio era conosciuto per le sue innumerevoli proprietà terapeutiche tanto che ancora oggi il suo impiego in erboristeria lo rende una delle piante più utilizzate in ambito curativo e culinario. tra le innumerevoli proprietà terapeutiche, il nasturzio possiede una quantità veramente elevata di vitamina c La medicina naturale utilizza principalmente le foglie fresche del nasturzio non solo come rimedio per infezioni batteriche, ma anche come vera e propria cura ricostituente per combattere l’arrivo dei primi freddi. Grazie, infatti, alla presenza di un elevato quantitativo di clorofilla e di oli di senape in esso contenuti, il nasturzio svolge un’efficace azione battericida rinforzando il sistema immunitario. Questa pianta rappresenta una vera miniera d’oro di vitamina C; pensate che 100 g di nasturzio ne contengono circa 500 mg e coprono il fabbisogno giornaliero di un soggetto adulto. Ma non finisce qui: tutte le parti del nasturzio sono commestibili quindi potrete sfruttare al meglio ciascuna proprietà benefica di questa pianta preparando degli squisiti manicaretti e unendo così l’utile al dilettevole.

nasturzio

Dal sapore molto piacevole, simile a quello del crescione, le foglie del nasturzio sono utilizzate prevalentemente per insaporire i primi piatti, dato il loro carattere leggermente piccante, mentre il frutto è impiegato spesso come surrogato del cappero. Ma vediamo più da vicino come poter cucinare al meglio tutte le parti di questa pianta così versatile.

FRUTTI

Ideali da utilizzare freschi in insalate o per aromatizzare l’aceto che userete come condimento. L’elevata somiglianza con i capperi rende i frutti del nasturzio perfetti per essere conservati sotto olio e sale. Potete anche utilizzare i semi ormai maturi, lasciandoli essiccare per poi tostarli e macinarli come il pepe.

FIORI

nasturzio

La spiccata cromaticità dei fiori del nasturzio li rende perfetti per decorare e abbellire ogni tipo di pietanza. Se però volete gustare i fiori di questa pianta, potete utilizzarli come condimento per i cibi saltati in padella o come ripieno di ravioli o paste fresche: le note lievemente piccanti si abbinano perfettamente alla carne e al burro, quindi sì a primi piatti a base di sughi bianchi o rossi fortemente aromatizzati.

FOGLIE

nasturzio

Come per le verdure a foglia verde, anche il nasturzio si presta benissimo per la preparazione di frittate o per arricchire dei tramezzini con ripieno a base di formaggio. Ma le foglie del nasturzio sono impiegate ottimamente anche nella realizzazione di dessert, soprattutto nei sorbetti o nelle composte a base di rabarbaro o fragole.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti