Mangiare a Pistoia: 10 indirizzi top per conoscere la nuova Capitale Italiana della Cultura

22 dicembre 2016

L’anno che verrà vedrà la Toscana brulicante di eventi ed iniziative; soprattutto sarà l’anno di Pistoia, Capitale Italiana della Cultura 2017.pistoia è una città fervida e vivace, ricca di attrazioni e ottimi ristoranti Una città ricca di storia tutta da scoprire, menzionata dalla Lonely Planet nella lista delle 10 città città da visitare nel mondo, circondata dalla bellezza naturale delle montagne dell’Appennino Toscano. Un centro storico racchiuso nella cerchia muraria trecentesca dove spiccano il Duomo, il Campanile della Cattedrale di San Zeno con il suo particolarissimo orologio, il Palazzo del Podestà, la Torre di Catilina e, a coronare il tutto, la vivacità dei pistoiesi intenti a godersi la città tra chiese e piazze suggestive, in particolare Piazza della Sala, dove pullulano locali, ristoranti e botteghe d’autore. La cucina pistoiese vanta piatti che vanno assolutamente assaggiati, dalla farinata con le leghe (striscioline di cavolo nero) ai maccheroni all’anatra, dallo zimino di lampredotto al gustosissimo carcerato, una pappa ottenuta dalla cottura del pane raffermo nel brodo delle interiora del vitello. Curiosi di sapere dove? Ecco i nostri 10 indirizzi top di Pistoia che vi consigliamo di provare, tra una visita al Palazzo Fabroni (museo di arte contemporanea) e una passeggiata nell’imperdibile Pistoia sotterranea.

  1. la-bottegaiaLa BotteGaia (via del Lastrone, 17): osteria segnalata e chiocciolata da Slow Food, è un indirizzo sicuro che offre una cucina basata su materie prime selezionate e attente alla stagionalità, che spazia tra i piatti della tradizione a quelli più contemporanei: Maccheroncini al sugo d’anatra, risotto ai carciofi e una superba trippa alla fiorentina, giusto per darvi un’idea. Da non perdere la selezione di formaggi della Montagna Pistoiese e la mousse di castagne e cachi. Poco distante troverete il negozio I sapori della BotteGaia, per acquistare i numerosi prodotti del territorio e i vari Presidi Slow Food.
  2. baldovino-2Enoteca Baldo Vino (piazza San Lorenzo, 5). Il loro motto (e non solo il loro) è: La vita è troppo breve per bere vini mediocri. Potete quindi immaginare la mentalità con cui la cantina è stata impostata: chicche del territorio si aggiungono alle tantissime etichette dai nomi altisonanti, che accompagnano una cucina sia di mare che di terra. Qualche esempio? Tartara di salmone selvaggio su insalatina di finocchi e salsa wasabi, zuppetta di orzo e funghi o gli gnudi di ricotta di pecora e spinaci su ragu di manzo. Per concludere nel migliore dei modi, non fatevi mancare una porzione di necci di farina di castagne dell’Orsigna con ricotta.
  3. trattoria-dellabbondanza1-2Trattoria dell’Abbondanza (via dell’Abbondanza, 10/14): la nuova gestione ha saputo prendere le redini di questo locale dove potrete mangiare piatti moderni e ben eseguiti come l’uovo a bassa temperatura su fonduta di pecorino e miele al tartufo, il maialino laccato e la guancia di vitella marinata alla birra Bruton cotta, anch’essa, a bassa temperatura. Se vi piace il pesce concedetevi le crocchette di razza alle olive taggiasche o il baccalà su crema di broccolo romano, davvero ottimi.
  4. taverna-gargantuaTaverna Gargantuà (piazzetta dell’Ortaggio, 11/12): nato dall’idea di Paolo Boccardi e Francesco Innocenti, il locale è situato nel cuore della movida pistoiese, a Piazza della Sala. Qui si mangia sempre con piacere e con gusto, dall’aperitivo a qualcosa di più sostanzioso. Cosa assaggiare? Le specialità sono i taglieri, primo tra tutti quello del Gargantuà con verdure al forno e stracciatella di burrata oppure il tagliere da spiaggia: scampi crudi con maionese agli agrumi e pesce spada. Tra i primi piatti svettano la pasta e fagioli alla toscana e i rigatoni al ragù di scamerita. Ottima la tartare con carpaccio di funghi e interessante la selezione di formaggi.
  5. bisteccatoscana1Bisteccatoscana: (via Sant’Andrea,30): gli amanti della bistecca non possono ripartire da Pistoia, senza aver prima messo piede da Bisteccatoscana. Concedetevi al massimo un antipasto di salumi e crostini prima di compiere la vostra missione: siete qui esclusivamente per la bistecca. Oltre a Pistoia, anche una succursale fiorentina: patiti della ciccia, non avete che l’imbarazzo della scelta.
  6. casamia-bistrot-2CasaMia Bistrot (via Udine, 44): un piccolo bistrot dove regna la passione per la cucina e il buon vino. Si può stuzzicare l’appetito con qualche ostrica, oppure deliziarsi con del baccalà al vapore e crema di finocchi e arancia, oppure, per gli amanti del crudo, provare il carpaccio di ventresca e cipolla di Tropea. Non mancano anche piatti di carne e dessert: vi suggeriamo di concludere in bellezza con un’ottima cheesecake ai lamponi.
  7. voronoiVoronoi ( piazza degli Ortaggi, 14/17): una ristocaffetteria sempre nella Sala, il cuore pulsante di Pistoia, dove sorseggiare un buon cocktail oppure scegliere tra tanti piatti sfiziosi: fritto di paranza, crostone di cavolo nero (qui rivisitato con aggiunta di prosciutto arrosto di Cinta Senese) uovo ghiacciato e burro al tartufo. Se non resistete al richiamo della carne, la tartare di manzo leggermente scottata con maionese alla senape e tartufo è di sicuro il piatto che fa al caso vostro.
  8. toscana-fairToscana Fair (via Bonellina, 46): un ristorante che sa di agriturismo, con tanto di orto da cui provengono le svariate materie prime che si riversano nel menu. A cena, non perdetevi le lasagnette di verdure, i cappellacci all’anatra e, per un peccato di gola difficile da dimenticare, concedetevi il gran fritto dell’aia.
  9. le-zie-del-lampredottoLe Zie del Lampredotto (via Quattro Novembre, 45): amanti delle frattaglie, questo è il vostro paradiso: trippa, lampredotto, musetto, nervetti, durelli e chi più ne ha, più ne metta, il carcerato compreso, uno dei piatti della tradizione pistoiese. Chi non ami il gusto particolare del quinto quarto può sempre rifarsi con dell’ottima pappa al pomodoro, zuppa di cipolle o con la farinata al cavolo nero.
  10. ristorante-atman-2Ristorante Atman a Villa Rospigliosi (via Borghetto 1, località Lo Spicchio, Lamporecchio): anche se non siamo proprio a Pistoia città, non si può non citare il raffinatissimo Atman, regno di Igles Corelli. Lo chef stellato crea capolavori che potrete ritrovare nei vari menu degustazione: Traguardi volanti con il godimento puro della pappa al pomodoro; Il nuovo che avanza con la zuppa di pesce in iperbarica; Ricordati che la solitudine tiene compagnia con un’inusuale tartare di cervo; La luna che tramonta dentro di noi con i cannoli croccanti ripieni di spuma di baccalà. Un’esperienza imperdibile per tutti gli amanti della cucina gourmet.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti