How to: fare l’acqua di rose alimentare in casa

20 Aprile 2020

L’acqua di rose è un ingrediente molto delicato, usato moltissimo soprattutto nella pasticceria del Medio Oriente, l'acqua di rose commestibile è molto usata in pasticceria dove è utilizzata diluita per aromatizzare dolci, sciroppi e bevande. È alla base del giulebbe, dal persiano gul, rosa, e ab, acqua, proprio una bevanda sciropposa confezionata con succhi di erbe, frutti, fiori, miele o zucchero. Seppur in vendita già pronta, preparare in casa l’acqua di rose alimentare è un procedimento piuttosto semplice. Una volta pronta si può utilizzare, alla stregua di quella all’arancia, per realizzare torte, biscotti e creme, sia da sola, sia in abbinamento con altri aromi.

  1. Ingredienti. Per ottenere un buon prodotto, tuttavia, è necessario poter disporre di rose non trattate, che non presentino dunque trattamenti chimici. Allo scopo sono perfette, perciò, le rose del giardino. Inoltre, è necessario utilizzare acqua distillata, in modo da non alterare il sapore dell’acqua di rose e per consentire un’adeguata conservazione. Le rose più indicate per uso alimentare sono quelle rosa o rosse: il loro profumo – quindi anche il sapore – è più intenso rispetto a quello di esemplari bianchi o gialli. Per ottenere un litro d’acqua di rose ci serviranno circa 4 fiori.
  2. Preparazione. La preparazione prevede di staccare delicatamente i petali dai fiori, lasciando soltanto quelli integri e rimuovendo la parte bianca all’attaccatura del petalo. Quindi bisogna trasferirli in una pentola e coprirli totalmente con l’acqua, accendendo il fuoco sotto a fiamma molto bassa. Appena raggiunta l’ebollizione, bisogna spegnere la fiamma, coprire la pentola con un coperchio e lasciare in infusione per almeno un paio d’ore, fino a quando i petali non avranno perso totalmente il colore. 
  3. Conservazione e utilizzo. Una volta completamente fredda, l’acqua di rose dovrà essere filtrata e riposta in una bottiglia o in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, in cui sarà possibile conservarla per circa 20 giorni. In alternativa potete congelarla negli appositi sacchetti per il ghiaccio, per poterla utilizzare quando sarà necessario.

I Video di Agrodolce: Zucchine in carrozza