Home Cibo Budino: trucchi, consigli, varianti e ricette

Budino: trucchi, consigli, varianti e ricette

di Nadine Solano 15 Maggio 2024 14:00

Morbidi e voluttuosi, i budini tornano al centro della scena con la bella stagione. Un mondo da esplorare e assaporare, anche da replicare a casa. Tra ricette, consigli, trucchi e varianti, ecco una guida a prova di golosi.

Un dolce al cucchiaio iconico, morbido e voluttuoso, che seduce chiunque con l’arrivo della bella stagione ma in realtà è un (grande) piacere tutto l’anno: il budino. In realtà dobbiamo usare il plurale, perché si apre un mondo. Il mondo dei budini, da esplorare e di cui godere. Abbiamo dunque pensato a una sorta di guida pratica contenente trucchi e consigli per farli in casa (perché è davvero facilissimo), curiosità e varianti. Alla fine, ameremo questi dessert ancora di più.

L’origine del budino

Budini

Perché il budino si chiama così? Quali sono le sue origini? Una data precisa non l’abbiamo, ma di certo dobbiamo andare molto indietro nel tempo. Il termine budino deriva dal francese boudin, che a sua volta potrebbe essere riconcedibile al latino botellus. Questo è importante: i primi budini non erano per nulla simili a quelli di oggi.

Si trattava di preparazioni salate, ovvero di composti che venivano messi nel budello degli animali; anche salsicce, per intenderci. Nel Settecento hanno cominciato a diffondersi creme cotte dolci a base di a base di uova, miele, latte e farina; i veri antenati degli attuali budini, dunque.

Le varianti nel mondo

Budini

Quella dei budini è una vera e propria “famiglia”. Esistono diverse varianti nel mondo, e tutte hanno trovato grande notorietà varcando i confini dei Paesi di provenienza. C’è la crème caramel, a base di latte, panna, uova e zucchero e con la tipica copertura di caramello liquido; secondo molti, le origini sono portoghesi.

C’è la bavarese, figlia della Francia dell’Ottocento, preparata con latte, zucchero, uova, panna fresca e gelatina; il bonèt piemontese e la crema catalana. Particolari versioni del budino sono anche la panna cotta e il flan, che – come sappiamo – può anche essere salato. E si aggiungono le cosiddette creme in tazze, che sono quasi liquide e vengono servite in piccoli recipienti ad hoc.

L’importanza degli addensanti

L’ingrediente fondamentale dei budini, che dà loro struttura e consistenza, è l’addensante. A seconda della ricetta, cambia: può trattarsi di gelatina, colla di pesce, amido di mais, maizena, fecola di patate, agar agar. Bisogna però ricordarsi di unirlo al composto poco prima del termine della preparazione, col fuoco già spento, e mescolare bene con la frusta.

Il metodo di cottura

Budini

I budini possono essere cotti in pentola (meglio che abbia il fondo spesso) oppure a bagnomaria. In quest’ultimo caso, è anche possibile usare il forno. Per ottenere un risultato ottimale, qualunque sia il metodo scelto, occorre aggiungere gli ingredienti un po’ alla volta e MAI tutti insieme. Bisogna mescolare di continuo, per evitare la formazione di grumi, e con estrema delicatezza.

La prova dello stuzzicadenti

La celebre prova dello stuzzicadenti non si fa soltanto con le torte, ma anche con i budini. Infilatelo al centro: se esce asciutto, il budino è pronto.

Il riposo in frigo

… E una volta che il budino è pronto, si trasferisce negli stampini e poi si lascia raffreddare a temperatura ambiente. Step successivo: il riposo in frigo, che deve durare almeno due ore. Sbagliato saltare il passaggio intermedio e mettere i budini ancora caldi in frigo.

Trucco per staccare il budino

La prova del nove: togliere il budino dallo stampino per servirlo. Se non si stacca? Beh, vuol dire che la preparazione non è stata esattamente a regola d’arte. Ma si può risolvere con facilità: basta immergere lo stampino per un paio di minuti in una ciotola contenente acqua tiepida. Quindi si passa un coltello a lama liscia lungo il bordo interno e voilà, si capovolge il dessert in un piattino.

Budini classici

I budini classici non tramontano mai, e anzi ci conquistano sempre a colpi di gusto e morbidezza. Da quello al cioccolato alla panna cotta, dalla crème caramel al budino latte e riso (proprio come lo faceva la nonna), bisogna soltanto scegliere. E poi gustare!

  1. Budino al cioccolato: semplicissimo

    Il budino al cacao, fatto in casa, ricorda le merende di una volta, semplici e genuine. Nella ricetta classica del budino al cioccolato vengono, di solito, utilizzate le uova e il burro, in questa versione vengono impiegati solo pochi ingredienti: il latte, lo zucchero, il cacao e l’amido di mais al posto della farina. Questo tipo di preparazione risulta così essere più leggera e senza glutine.

    Leggi la ricetta "Budino al cioccolato: semplicissimo"
  2. Crème caramel: la video ricetta

    Il crème caramel è un dolce al cucchiaio tipico della pasticceria portoghese. Il nome con il quale è conosciuto in Italia e in Europa è di origine francese, mentre in molti Paesi del mondo ci si riferisce a questo dolce chiamandolo Flan. Si tratta di una crema alla vaniglia ricoperta da uno strato di caramello morbido. Proprio come il budino è un dolce al cucchiaio che spesso viene preparato in stampi monoporzione. La ricetta prevede più passaggi successivi. Gli ingredienti sono piuttosto semplici per questo occorre scegliere prodotti di altissima qualità e molto freschi. Servite il crème caramel come dessert per una cena formale o per la merenda per i più piccoli.

    Leggi la ricetta "Crème caramel: la video ricetta"
  3. Panna cotta con salsa al cioccolato

    La panna cotta è un fresco dolce al cucchiaio che per la sua delicatezza si presta ad essere servita in tutte le stagioni, ed è indicata soprattutto come dessert di fine pasto, proprio come il budino di riso. Si prepara con panna fresca, zucchero, colla di pesce e i semi di una bacca di vaniglia e viene poi posta in frigo a rassodare. La panna cotta è un dessert di facile preparazione e per questo motivo si presta a molte interpretazioni: può essere arricchita e decorata con marmellata, frutta fresca, caffè, caramello, salse alla frutta o al cioccolato come in questo caso. Sembra che questo dolce sia nato in Piemonte agli inizi del 1900; oggi è conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo e in alcuni paesi europei è chiamato anche blanc manger, ovvero Bianco Mangiare. In questa ricetta, vi proponiamo la panna cotta al cioccolato.

    Leggi la ricetta "Panna cotta con salsa al cioccolato"
  4. Crema catalana

    La crema catalana è un dolce al cucchiaio tipico della Catalogna e della cucina spagnola. Il dessert si presenta con un sottile strato di zucchero caramellato che ricopre la soffice e morbida crema sottostante. Quando si parla di dessert tradizionali spagnoli, la crema catalana emerge come una deliziosa icona culinaria, amata per la sua squisita cremosità e il suo caratteristico strato croccante di zucchero caramellato. Questo dolce incanta i palati di tutto il mondo con la sua combinazione perfetta di dolcezza, consistenza vellutata e profumi aromatici. È semplicissimo da preparare basta solo un po' di attenzione e pazienza.

    Leggi la ricetta "Crema catalana"
  5. Bavarese allo zabaione, un delicato dolce al cucchiaio

    La bavarese allo zabaione è un dolce al cucchiaio delicato e molto facile da preparare, ideale da preparare in occasioni speciali come il Natale. Per realizzare la nostra bavarese allo zabaione occorrono pochi e semplici ingredienti: tuorli d'uovo, zucchero, marsala, gelatina in fogli, vaniglia e panna fresca. La preparazione richiede un tempo piuttosto lungo in quanto il composto necessita di un riposo in frigorifero di circa 4- 5 ore per rassodarsi perfettamente. Il tipo di cottura utilizzato è quello a bagnomaria: l'alimento da cuocere è inserito in una pentola che è a sua volta messa all'interno di un'altra di dimensioni maggiori in cui è posta a bollire dell'acqua. Noi abbiamo decorato la bavarese con cannella in polvere e ribes, ma potete utilizzare altri frutti di bosco, spezie o una salsa al cioccolato e granella di nocciole. Potete preparare la bavarese anche in cocotte monoporzione, in quel caso non occorre sformarle, potete portarle in tavola direttamente decorandole con cannella e frutti rossi.

    Leggi la ricetta "Bavarese allo zabaione, un delicato dolce al cucchiaio"
  6. Bonet bianco con amaretti

    Il bonet bianco è la versione del famoso budino piemontese, creata nella zona del Monferrato prima della scoperta del cacao. Il bonet bianco è delizioso: ogni cucchiata è avvolgete e intensa. Grazie all’aggiunta degli amaretti all’impasto di questo budino se ne ottiene un dolce sostanzioso ma piuttosto semplice. Ricordate che si tratta di una preparazione che deve cuocere a lungo a bagnomaria e richiede un lungo riposo, ma merita assolutamente tutto il tempo che richiede. Potete scegliere voi se tenere nel budino i biscotti sbriciolati grossolanamente, o se frullare il tutto per un bonet dal sapore di mandorla, ma dalla trama fine. Potete servirlo come dessert decorandolo con uno sbuffo di panna montata.

    Leggi la ricetta "Bonet bianco con amaretti"

Budini alla frutta

Per la loro stessa natura, i budini sono perfetti quando le temperature cominciano ad alzarsi. Ma volete mettere il potere rinfrescante delle versioni alla frutta? Limone, arancia, fragola, arancia, ciliegie: qualunque sia il vostro frutto preferito, troverete la ricetta giusta!

  1. Budino di banana: dessert al cucchiaio

    Quella del budino di banana è una ricetta furba oltre che un'idea per un dolce sano e goloso adatto alla merenda. Perfetto per evitare di buttare quelle due banane che giacciono da giorni in attesa che qualcuno le mangi, è ideale per cimentarsi nella preparazione di un dessert diverso dal solito. Il suo bello sta nel fatto che, pur potendo essere considerato un comfort food per la sua consistenza e il suo gradevole sapore, è anche poco calorico e povero di grassi. Non richiede neanche l'aggiunta di troppi zuccheri ed è pronto in pochissime mosse. Perfetto per i bambini, il budino alla banana senza uova, utilizzando dello yogurt e del latte di soia, può diventare anche vegan per poter essere mangiato proprio da tutti.

    Leggi la ricetta "Budino di banana: dessert al cucchiaio"
  2. Budino al limone: profumo agrumato

    Il budino al limone è un dessert al cucchiaio goloso e rinfrescante. Ottimo da servire in qualunque occasione e in ogni stagione, rimane sempre un’ottima alternativa al classico gelato. Semplice e facile da realizzare è un dolce che può essere realizzato in anticipo e può essere servito in vasetti monoporzione oppure sformato su piattini. Per realizzare questa ricetta scegliete dei limoni molto profumati, possibilmente non trattati con una scorza soda e senza la presenza di macchie. Questo budino al limone è stato realizzato con pochi e semplici ingredienti: limoni, latte, amido di mais e zucchero evitando così l’utilizzo di uova e colla di pesce. È un dessert molto leggero e può essere decorato a piacere con fettine di limone caramellato, ma anche con scorzette di agrumi candite immerse nel cioccolato fondente. Si conserva in frigorifero per non più di tre giorni. Se amate questo tipo di dessert provate ad assaggiare anche la versione ai pistacchi o al caffè.

    Leggi la ricetta "Budino al limone: profumo agrumato"
  3. Budino di semolino all'arancia: semplicissimo

    Il budino di semolino all'arancia è un dolce molto semplice e veloce da preparare, adatto anche a commensali vegetariani. Gli ingredienti principali sono latte di soia, semolino e uvetta. La preparazione di questo dolce non richiede particolari accortezze e può essere effettuata abbastanza rapidamente. Tuttavia, il budino deve riposare per almeno 3 ore in frigorifero, vi consigliamo, quindi di iniziare la preparazione del vostro dessert per tempo. Per evitare che il budino assuma una forma scorretta, posizionate, al di sotto dello stampo di silicone, una ciotola di materiale più solido. Inoltre, prima di sformare il budino, assicuratevi che sia rassodato al punto giusto.

    Leggi la ricetta "Budino di semolino all'arancia: semplicissimo"
  4. Budino allo yogurt con ciliegie: un fresco dessert per l'estate

    Tra le ricette dei dolci al cucchiaio adatti alla bella stagione, quella del budino allo yogurt con ciliegie garantisce un successo assicurato. A prima vista assomiglia alla panna cotta ma, a differenza di questa, ha un sapore decisamente più fresco. Indicato per la conclusione di un pranzo o di una cena in compagnia, si può servire coperto da un qualsiasi topping: a base di frutta fresca, di cioccolato, di caramello, non avete che l’imbarazzo della scelta. Chiunque può cimentarsi nella ricetta del budino allo yogurt: non richiede che pochi ingredienti – utilizzate panna e yogurt di ottima qualità – ed ancor meno fatica. Importante è, però, avere a disposizione gli stampini adatti, di silicone o di alluminio, in modo da agevolarne l'estrazione evitando spiacevoli disastri. Se non vi entusiasma l’idea di utilizzare la colla di pesce, alternativa a questo è il budino allo yogurt con agar agar, addensante naturale di origine vegetale. In questo caso, però, è necessario effettuare le dovute proporzioni per ottenere una consistenza densa. Il riposo in frigo è necessario per la buona riuscita di questo dessert, cosa che vi agevolerà anche in caso di ospiti per non preparare tutto all'ultimo minuto.

    Leggi la ricetta "Budino allo yogurt con ciliegie: un fresco dessert per l'estate"
  5. Bavarese alle fragole vegana: per gli innamorati

    La baravese alle fragole è un dolce fresco perfetto per utilizzare le prime fragole in commercio. La sua variante vegana non prevede che alcun ingrediente di origine animale venga utilizzato, si sostituisce così la colla di pesce con l'agar agar e la panna con quella di riso. Potete sostituire le fragole di questa ricetta con altri tipi di frutta, come pesche, albicocche o melone e sostituire la panna di riso con quella di soia. Per quel che riguarda il gelificante, l'agar agar ha origine naturale, è derivato dalle alghe rosse, noto in Giappone anche con il nome di kanten. Il suo utilizzo varia sensibilmente rispetto ai gelificanti di origine animale, ma è sempre più semplice trovarlo in negozi specializzati.

    Leggi la ricetta "Bavarese alle fragole vegana: per gli innamorati"

Budini proteici

Siete amanti del fitness, credete nell’importanza di un’alimentazione sana ma non avete alcuna intenzione di rinunciare al gusto né tantomeno alla dolcezza? Ecco la soluzione: i budini proteici. Vi sorprenderanno a colpi di bontà, vedrete.

  1. Budino con proteine in polvere: ricetta fit

    Il budino con proteine in polvere può essere l'ideale per uno spuntino o una merenda. È adatto per chi svolge un'attività sportiva molto intensa e ha bisogno di un surplus proteico e per chi è intollerante al lattosio. La ricetta è molto semplice e prevede l'uso della bevanda vegetale a base di soia.

    Leggi la ricetta "Budino con proteine in polvere: ricetta fit"
  2. Chia pudding fitness: con frutti rossi

    Il chia pudding fitness è un budino delizioso ricco di preziosi valori nutrizionali che vale la pena provare o, se siete sportivi, inserire regolarmente nella vostra alimentazione. Perché i semi di chia sono così sani? Innanzitutto sono un'ottima fonte di acidi grassi omega 3, gli stessi che, tra l'altro, non solo aiutano a ridurre l'infiammazione, ma sono collegati a un minor rischio di sviluppare malattie croniche. Sono inoltre una buona fonte di antiossidanti, proteine ​​vegetali e fibre.

    Leggi la ricetta "Chia pudding fitness: con frutti rossi"
  3. Budino con chia: per la colazione

    Il budino con semi di chia costituisce una preparazione sana, perfetta per chi predilige un’alimentazione variegata e per chi preferisce evitare prodotti di origine animale. Ma, ancora di più, per chi vuole approfittare al massimo delle grandi proprietà dei semi di chia, che forniscono un apporto stabile di energia a lunga durata, sono ricchi di proteine, di calcio, di Omega 3, antiossidanti, grassi buoni e di fibre. Il budino di semi di chia è semplicissimo da preparare: basta mescolare gli ingredienti principali e farli riposare l’intera notte. Nel frigo avverrà la magia, ovvero la creazione di un composto cremoso e dal gusto fresco, un mix di valori nutrizionali eccezionali per il nostro benessere.

    Leggi la ricetta "Budino con chia: per la colazione"
  4. Bavarese di cachi e nocciole

    La bavarese di cachi e nocciole con la sua consistenza a metà strada tra la mousse e il budino è un tipico dolce al cucchiaio. Di origini francesi, la bavarese è composta da una base di crema inglese, gelatina alimentare e panna montata che dà sofficità finale al dessert. La versione originale prevede solamente l’aggiunta della vaniglia alla crema ma è possibile personalizzare il dolce con l’aggiunta di frutta di stagione, frutta secca, caffè o cioccolato. Curiosa è la sua origine. Si dice infatti che derivi dalla bavarese ossia da una bevanda tipica tedesca del 1700 a base di tè, latte e liquore e che furono i cuochi francesi, al servizio in terra germanica, a importarla nella loro terra di origine. Dolce ottimo in tutte le stagioni dell’anno, nella nostra versione veste gli abiti autunnali per via della presenza di cachi e nocciole che fanno di questo dolce al cucchiaio un piatto dal gusto fresco e delicato.

    Leggi la ricetta "Bavarese di cachi e nocciole"