Pici all’aglione: la pasta più antica

5 febbraio 2016

Chi ama mangiare, ama la Toscana, i suoi piatti rustici e perfetti. Qui si mangia dappertutto: in spiaggia (caciucco, triglia alla livornese) come in montagna (castagnacci, marmellate di corbezzolo); i pici sono una pasta antichissima di cui si ha testimonianza già nelle tombe etrusche nelle campagne feconde si producono ingredienti freschi e preziosi, da mescolare con sapienza in zuppe e minestre, come le ribollite o l’acquacotta. In Garfagnana e attorno Volterra si raccolgono i tartufi, a San Gimignano lo zafferano. I pecorini sono prelibatissimi a Pienza, a Siena, nel Chianti; la lista dei salumi è infinita, con le vette di Finocchiona, Mortadella di Prato, Lardo di Colonnata. La bistecca alla fiorentina è un’istituzione. Tutto deve essere accompagnato da un giro generoso di olio extravergine di oliva, verde e ricchissimo. La cucina toscana è schietta, di trattoria; i piatti sono gustosi e salutari, nutrienti, raffinati senza diventare mai pretenziosi. Così i pici, pasta antichissima: se ne riconosce una testimonianza in un manufatto decorato delle tombe etrusche di Tarquinia, serviti in un ricco banchetto.

pici1

Si tratta di spessi spaghettoni lavorati a mano, di consistenza corposa e di forma irregolare. Tipici del senese, si sono diffusi in tutto il sud della Toscana, fino a invadere l’Umbria e la provincia di Viterbo, tipici del senese, i pici si sono diffusi in tutto il sud della toscana, arrivando anche in umbria dove però si chiamano più spesso umbrichelli. E proprio di lunghi lombrichi hanno l’aspetto, ottenuti da un impasto di farina di grano tenero o semola di grano duro, acqua e sale. L’azione caratteristica è quella da cui deriva il nome: appicciare la pasta, ricavare dall’amalgama spessi cordoncini che devono essere allungati rigorosamente a mano, uno per volta; per mantenerli asciutti, si usa spolverizzarli con farina di mais. Se originariamente i pici rappresentavano una pasta povera, lavorata con stretto numero di ingredienti (fatta eccezione per la pazienza), attualmente capita di arricchirli con un uovo per ogni chilo di farina e qualche goccia d’olio extravergine di oliva, rendendoli così più resistenti alla cottura.

Toscana_Pici_6

Quanto ai condimenti, si usano salse e sughi avvolgenti, densi, in grado di inumidire la pasta e renderla particolarmente saporita; tradizionali sono i ragù di salsiccia (di Cinta senese, ça va sans dire), di cacciagione (soprattutto a base di lepre e cinghiale), di fegato di coniglio, di piccione. Molto diffuso è il sugo di nana, cioè di anatra, che è rosolata con un soffritto di verdure e un bicchiere di vino rosso, per poi ammorbidirla con molta passata di pomodoro; il piatto va guarnito con pepe e una bella dose di pecorino grattugiato. Per i pici alle briciole bisogna semplicemente abbrustolire in padella molta mollica di pane sciapo con aglio e olio; in una terrina a parte si uniranno poi i pici lessati, la mollica soffritta, se necessario poca acqua di cottura, pepe, parmigiano e pecorino.

pici all'aglione

Ma la ricetta perfetta, quella più semplice e armonica, muove da Chiusi e Chianciano: i Pici all’aglione. Si rosola in olio moltissimo aglio schiacciato (per 4 persone, anche 6 spicchi); si aggiunge poi una generosa dose di peperoncino fresco e almeno 700 grammi di pomodori maturi ridotti in cubetti. Tale composto può essere insaporito con qualche cucchiaino di aceto o di vino bianco e poi lasciato a sobbollire a fuoco bassissimo. Quando avrà raggiunto una cremosità invitante, tuffate i pici cotti in acqua salata e saltate con gran godimento. Potete guarnire con qualche foglia di prezzemolo, ma il piatto non ha bisogno d’altro.

pici step12

Se volete assaggiarli in una sagra, aspettate la fine di maggio e correte a Celle sul Rigo, tra Val d’Orcia e Valle del Paglia, dove da 46 anni si servono pici preparati a mano e conditi con i sughi tipici, secondo le ricette più antiche. Se intraprendete ghiotti tour per trattorie, non dimenticate che attorno a Montepulciano li chiamano pinci, verso l’Umbria umbrici, e c’è anche chi li definisce semplicemente lunghetti. Comunque vogliate nominarli, c’è da scommetterci, non saprete smettere di cercarli.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti