Home Cibo Il daikon: radice orientale dalle proprietà straordinarie!

Il daikon: radice orientale dalle proprietà straordinarie!

di Asia Torreggianti 9 Febbraio 2024 14:00

Esplorando la vasta e affascinante tradizione gastronomica della cucina asiatica, spicca un ingrediente versatile e salutare: il daikon. Questa radice, dalla forma slanciata e dal sapore unico, viene utilizza in cucina da secoli, sia in Giappone che in Corea. Conosciuto anche come ravanello bianco o giapponese, racchiude in sé una serie di benefici ottimali per la salute che stanno attirando sempre più l’attenzione degli appassionati e degli esperti di nutrizione.

Oggi parliamo del daikon, una radice simile a una carota, ma più grande e dal colore bianco candido. Il sapore invece ricorda molto quello ravanello, è abbastanza dolciastro anche se in chiusura lascia qualche nota piccante. Scopriamo qualcosina in più su un superfood bruciagrassi (come lo zenzero) molto apprezzato e diffuso in tutto il Giappone, e non solo. Non siete curiosi? Secondo noi gli amanti del sushi l’avranno già incontrato!

Cos’è il daikon?

Il daikon viene raccolto nelle campagne

Il daikon non è altro che una cultivar del ravanello comune, originario dell’Asia orientale, conosciuto anche come Raphanus sativus var. longipinnatus, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae. Fra le innumerevoli varietà, la più comune in Giappone, la aokubi daikon, ha forma simile a una grossa carota, misura circa 20–35 di lunghezza, e 5–10 cm di diametro. La polpa è carnosa, mentre la buccia che lo avvolge è lucida e sottile. Altra variante, quella coreana, è più corta rispetto a quella vista in precedenza, inoltre, presenta un colore verde chiaro. Importantissimo per favorirne la crescita è il grado di umidità, incide moltissimo sulla resa del raccolto, come l’altitudine e la temperatura.

Proprietà benefiche e nutrizionali

Pezzettini di Daikon sott'aceto

Sembra che il daikon sia molto apprezzato per le sue proprietà terapeutiche:

    1. ha azione digestiva: grattugiato favorisce la digestione grazie agli enzimi digestivi. Questo lo rende un ottimo accompagnamento per piatti pesanti, in particolare quelli grassi e fritti;
    2. scioglie depositi di grasso: si ritiene che un consumo frequente della radice possa contribuire a sciogliere i depositi di grasso in eccesso, sebbene questo aspetto sia ancora da verificare del tutto;
    3. benefico per la salute epatica;
    4. antitumorale;
    5. antinfiammatorio e antiossidante;
    6. riduce il rischio di malattie croniche (patologie cardiovascolari e diabete);
    7. diuretico, drenante, depurativo: è utilizzato in fitoterapia, aiuta a eliminare le tossine dal corpo attraverso l’urina e favorisce l’equilibrio idro-salino;
    8. ha un basso contenuto calorico ed è ricco di vitamina C, potassio, rame, folati: ideale per chi segue una dieta ipocalorica, 100 g apportano 22 kcal, e forniscono il 34% di RDA di vitamina C, fondamentale nel sostenere il sistema immunitario e nel favorire l’assorbimento del ferro.

Utilizzi in cucina

Piatto di sashimi decorato con daikon

Se vi foste mai capitato di andare a mangiare in un sushi ricercato, alla carta, avrete sicuramente trovato fra le proposte piatti a base di sashimi (fettine di pesce crudo) o natto, decorati con il daikon. Impiegato anche per realizzare alcune tipologie di zuppe e stufati, diventa protagonista assoluto solo quando viene servito a insalata, rigorosamente grattugiato.

Si pulisce con facilità, eliminando le due estremità e la buccia esterna. Si conserva crudo, tagliato a  fettine o a striscioline, per qualche settima in un luogo fresco e asciutto, meglio se in frigorifero. Per la cottura invece potete scegliere quella che maggiormente preferite, al vapore, al forno, oppure in friggitrice ad aria. Assaporare in assoluto, condito con olio extravergine d’oliva, sale e pepe, oppure affiancatelo ad altri ortaggi come patate, cipolle, carote, zucchine e così via.

Gnocchi di riso

Primo piatto vegetariano cinese, quello degli gnocchi di riso con verdure. Forma e consistenza sono molto diverse da quelli italiani, dischi ovali ricavati da un impasto di acqua e farina di riso. Si può scegliere di condirli con ortaggi di stagione, quelli che preferite, anche con il nostro daikon, e l’immancabile salsa di soia.

Insalata di daikon

L’insalata di daikon secondo noi è un contorno sfizioso e salutare, da assaggiare. Noi abbiamo pensato di abbinarlo a delle mele e delle cipolle (rosse andranno benissimo), per poi impreziosire il tutto con del succo di limone e della scorzetta, prezzemolo a volontà, pepe e gamberetti precedentemente sbollentati (facoltativi).

Tortino di daikon al forno

Torta di radici salata

Piatto leggero e stuzzicante, il tortino di daikon cotto al forno. Noi lo prepariamo all’italiana, senza uova, con parmigiano reggiano, aglio, sale e pepe. Si gusta una volta tiepido con qualche contorno accanto, magari delle patate arrosto o un’insalata di lattuga e radicchio.

Zuppa con miso e daikon

Satsuma-jiru

Questa zuppa è conosciuta anche come Satsumare Jiru, ed è a base di pollo, funghi shiitake, daikon a fettine, carote, tofu, miso e cipollotto verde. Una vra chicca dai sapori orientali, ideale per riscaldarsi quando fa freddo, al posto della solita minestrina in bianco con olio e parmigiano.

Conclusione

Il daikon si rivela essere un’aggiunta preziosa alla dieta, non solo per il suo sapore delicato e la sua versatilità in cucina, ma anche per le sue numerose proprietà benefiche per la salute. Non è poi così difficile reperirlo e introdurlo così nel quotidiano, basta provare e sperimentare.