speciale

Cucina Indiana

La Cucina Indiana si distingue per due tradizioni differenti. La prima, diffusa soprattutto al Nord, che fa uso di carne e la seconda, diffusa invece al Sud, che è principalmente vegetariana. La cucina indiana del Sud è quella che più si caratterizza per il grande utilizzo di spezie per aromatizzare i piatti ed accompagnare le verdure.

I piatti principali della cucina indiana

È però la cucina settentrionale che ha avuto più successo oltre i confini indiani. I piatti conosciuti e apprezzati in Europa provengono infatti spesso da quest’area: il riso pilaf, il pollo al curry, il pollo tandoori sono originari di quest’area. Anche quelli che potremmo definire antipasti sono piuttosto comuni in India: gli stuzzichini più famosi sono i samosa, ossia dei piccoli triangoli di pasta di farina ripieni e fritti. Non mancano, infine, il kebab indiano con carne di agnello, Dosa e Masala Dosa, simili a delle piadine farcite con patate, riso, lenticchie e spezie.

L’uso delle spezie

Le spezie sono l’elemento essenziale di ogni piatto indiano, quello che insaporisce e arricchisce ciascun ingrediente. Tra quelle più utilizzate, troviamo naturalmente la curcuma, il cumino, il coriandolo e il peperoncino, tuttavia in molte ricette sono presenti anche i chiodi di garofano, la cannella, il cardamomo, la noce moscata, l’aglio e lo zafferano. Con il termine curry si intendono inoltre degli stufati più o meno liquidi e ricchi di spezie a base di verdure, carne o formaggi oppure, più semplicemente, dei mix in polvere di 5-10 spezie utilizzati per condire le varie pietanze. La parola hindi che indica quest’ultimo tipo di preparazione è masala: i famosi garam masala e tandoori masala, infatti, altro non sono che condimenti speziati (di cui ne esiste ben più di qualche variante).

Il ruolo del pane

Una menzione speciale va fatta per il pane indiano. Ne esistono di numerosissimi tipi, quasi tutti provenienti dalla parte settentrionale dell’enorme penisola asiatica. Il pane (spesso più somigliante a una focaccia o a una piadina, piuttosto che al pane come lo intendiamo noi) serve sia ad accompagnare piatti di carne che a fungere da piatto o da involucro per molte ricette salate, in cui è spesso ripieno di riso, verdure, legumi e spezie. Tra le tipologie più comuni troviamo il Naan, un impasto di farina di frumento cotto nel tipico forno tandoori, il Puri, fatto con farina integrale e dall’aspetto più gonfio rispetto al primo, il Chapali, un pane non lievitato e cotto in una padella detta tawi.

India settentrionale e meridionale, le differenze in cucina

Nella Cucina Indiana è fatto un largo uso di uova, latte e latticini in generale. Si potrebbe classificare la Cucina Indiana, soprattutto nei ristoranti, come: cucina non vegetariana, cucina latte-ovo-vegetariana e cucina latto-vegetariana. Le differenze regionali in ambito gastronomico derivano perlopiù dalla storia coloniale della regione e dalle restrizioni alimentari dovute alla religione. Se nella credenza indù è proibito l’uso della carne vaccina, chi è musulmano prediligerà questa ed eviterà al contrario il maiale. Per gli stessi motivi, oltre che per fattori ambientali e climatici, al nord l’uso della carne in generale è molto più diffuso che al sud, così come il consumo di pesce è ovviamente più ampio sulle coste rispetto all’entroterra. Legumi e spezie invece costituiscono parte integrante di molte preparazioni in tutte le aree del Paese.

Ottimi ristoranti indiani in Italia

La cucina indiana, con i suoi sapori pungenti e caratterizzanti, ha conquistato ormai anche l’Occidente. Se volete assaggiare i migliori piatti della tradizione indiana a Milano passate da Serendib, mentre a Roma, tra gli indirizzi che vi consigliamo, c’è sicuramente il Krishna 13.

Scopriamo i piatti e le antiche tradizioni culinarie, conservate nei millenni, della cucina del continente indiano, gli utensili utilizzati e le modalità di preparazione.

Il pane indiano naan
Pane e Pizza Cucina Indiana

Pane indiano: Naan

di Ileana Pavone
  • 20 min
  • 260 Kcal x 100g
  • Difficoltà molto bassa
cos'è la curcuma
Cucina Indiana

Cos’è la curcuma? Tutte le proprietà dell’oro dell’India:

di Mariani, Mercadante

Scopriamo i benefici della curcuma, spezia indiana sempre più usata in cucina e in medicina. Leggi subito quali sono i benefici della curcuma

ricette indiane da fare a casa
Cucina Indiana

Come al ristorante: le 10 migliori ricette indiane da rifare a casa

di Messeri, Solano

Se siete appassionati dei sapori e dei profumi della cucina indiana, vi consigliamo 10 ricette da provare a preparare anche a casa senza difficoltà.

curry di pollo
Cucina Indiana

Cos’è il curry? Storia, uso e varianti di questo ingrediente

di Farnetti,Mariani, Meo

Normalmente siamo convinti che il curry sia una polvere speziata, ma in realtà è un modo di cucinare tradizionale in India: ecco cosa dovete sapere.

MAIALE AL CURRY
Secondi piatti Cucina Indiana

Maiale al curry

di Ileana Pavone
  • 15 min
  • 310 Kcal x 100g
  • Difficoltà bassa
Polpette al curry
Secondi piatti Cucina Indiana

Polpette al curry

di Roberta Favazzo
  • 45 min
  • 340 Kcal x 100g
  • Difficoltà bassa
GamberiCurryCopertina
Primi piatti Cucina Indiana

Pasta gamberi e curry

di Flavia Priolo
  • 10 min
  • 280 Kcal x 100g
  • Difficoltà bassa
indian-fast-food
Cucina Indiana Cucina Indiana

Indian Fast Food, Roma

Via Mamiani, 11, Roma, RM, Italia

  • entro i 30€
Samosa
Cucina Indiana

Samosa: cosa sono e come si fanno

di Alessia Dalla Massara

Come si preparano i samosa, tipico street food indiano? Dalla pasta a quale ripieno scegliere, ecco come farli in casa.

curry thailandese
Cucina Indiana

Curry indiano e thailandese: quali sono le differenze?

di Alessia Dalla Massara

Il curry è uno dei condimenti più apprezzati della cucina indiana. La versione thailandese è altrettanto popolare: ecco tutte le differenze.