Trofie alla carlofortina: tradizione sarda

8 ottobre 2015

Ingredienti per 4 persone

Le trofie alla carlofortina sono un primo piatto molto saporito e semplice da realizzare. Questa ricetta prende il nome dall’isola sarda di Carloforte, colonizzata durante il XVI secolo da cittadini pegliesi provenienti dalla città di Tabarka. Proprio questa commistione di tradizioni ha dato luogo alla cultura gastronomica di questa cittadina situata sull’isola di San Pietro. Le due tradizioni, quella ligure e quella sarda, mescolano i sapori e le tecniche. Protagonisti di questo primo piatto sono il tonno rosso, simbolo dell’isola e il pesto che è emblema della Liguria. Per questa ricetta si possono utilizzare le trofie, formato di pasta tipicamente ligure ma anche i cassulli, meglio noti come gnocchetti sardi e molto apprezzati per la loro capacità di trattenere il sugo. Per le nostre trofie alla carlofortina abbiamo utilizzato un pesto leggero, per non compromettere il risultato finale è necessario che sia di ottima qualità e fresco. Se avete tempo preparatelo in casa, come indicato nella nostra ricetta del pesto alla genovese.

Preparazione Trofie alla carlofortina

  1. trofie alla carlofortina step1Portate dell'acqua a bollore in un pentolino e lessate il tonno per 5 - 7 minuti. Scolatelo tonno e tagliatelo a dadini.
  2. trofie alla carlofortina step2Lavate, mondate la cipolla e tritatela grossolanamente. Fatela soffriggere in una padella in cui avrete fatto scaldare un filo di olio extravergine d'oliva.
  3. trofie alla carlofortina step3Unite il tonno e lasciate rosolare qualche minuto.
  4. trofie alla carlofortina step4Lavate i pomodorini e tagliateli a spicchi, aggiungeteli in padella. Mescolate bene, regolate di sale e proseguite la cottura altri 10 minuti circa.
  5. trofie alla carlofortina step5Togliete dal fuoco e unite il pesto. Cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela e conditela con il sugo. Servite subito.

I commenti degli utenti