Patate maritate, da Pescasseroli

25 gennaio 2017

Ingredienti per 4 persone

Le patate maritate sono una ricetta tipica di Pescasseroli, in Abruzzo. Gustose e facili da preparare, sono tagliate in fette non troppo sottili e condite a strati con mollica di pane aromatizzata con prezzemolo e aglio. L’ingrediente che non manca mai è il pecorino grattugiato che, in alternativa, si può sostituire con il parmigiano. Si tratta di un piatto povero e genuino, da molti definito come il piatto dei pastori. Come tutte le ricette della tradizione, però, anche le patate maritate vantano moltissime versioni che vedono, per esempio, l’aggiunta di formaggi filanti e salsiccia fresca sbriciolata. In questi casi, diventano perfette anche come piatto unico, da gustare sia caldo che a temperatura ambiente. C’è, poi, chi usa il pangrattato al posto della mollica, il burro invece che l’olio. Se adorate le patate al forno condite in modi gustosi e originali, provate anche le patate alla savoiarda o quelle con cipolle, taleggio e noci.

Preparazione Patate maritate

  1. patate-maritate_1Preparate il crumble: sbriciolate la mollica di pane e tritate finemente al coltello il prezzemolo lavato e asciugato e lo spicchio d’aglio sbucciato. Mescolate tutto e tenete da parte.
  2. patate-maritate_2Sbucciate le patate e tagliatele, nel senso della larghezza, in fette spesse circa 5 millimetri
  3. patate-maritate_3Ungete il fondo di una teglia, formate un primo strato di patate sovrapponendole leggermente. Condite una manciata abbondante di crumble, pecorino grattugiato e cubetti di scamorza. Condite con un filo d’olio.
  4. patate-maritate_4Proseguite con gli strati fino a esaurimento degli ingredienti.
  5. patate-maritate_5Concludete con uno strato abbondante di mollica di pane aromatica, poco pecorino grattugiato e un filo d’olio. Infornate le patate maritate a 180 °C per circa 1 ora e 15 minuti.

Variante Patate maritate

Potete tagliare le patate un po’ più sottili per ridurre i tempi di cottura o per creare una sorta di tortino più compatto.

I commenti degli utenti