Home Ricette Dolci Frittelle di castagne

Frittelle di castagne

Le frittelle di castagne sono una chicca del periodo autunnale: gustatele nel pomeriggio, per una merenda diversa dal solito, o come dolce di fine pasto, magari irrorate da cioccolato fuso.

di Roberta Favazzo 8 Ottobre 2023

L’autunno porta con sé una varietà di ricette imperdibili, e le frittelle di castagne rientrano tra queste. Queste piccole, dorate e soffici palline sono un omaggio alla stagione, con il loro sapore ricco ed avvolgente. Le frittelle di castagne si prestano ad una merenda diversa dal solito ma si possono proporre anche alla fine dei pasti, magari accompagnate con una salsa di cioccolato o con qualche cucchiaio di crema alla vaniglia. Unico accorgimento, quello di gustarle appena fritte giusto dopo essersi appena intiepidite, per godere appieno della loro consistenza soffice internamente e deliziosamente croccante fuori. Ecco come si preparano.

Ingredienti per 6 persone

  • Preparazione 20 min
  • Cottura 30 min
  • Calorie 380 Kcal x 100g
  • Difficoltà bassa

Preparazione Frittelle di castagne

  1. In una ciotola, schiacciate le castagne bollite fino a ottenere una purea. Aggiungete la farina, lo zucchero, il lievito e il sale nella ciotola con la purea di castagne. Mescolate bene.

  2. In un’altra ciotola, sbattete l’uovo e aggiungete il latte (e la vaniglia, se desiderate). Versate il composto liquido nella ciotola con gli ingredienti secchi e mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo.

  3. In una padella, riscaldate abbondante olio vegetale a circa 170°C. Con un cucchiaio, prelevate porzioni di impasto e immergetele nell’olio caldo. Friggete fino a quando le frittelle diventano dorate e gonfie.

  4. Scolate le frittelle su carta assorbente per rimuovere l’eccesso di olio. Servitele spolverate con zucchero semolato o a velo se preferite.

Cosa si fa con la farina di castagne?

La farina di castagne è un ingrediente versatile che si ottiene dalla macinazione delle castagne essiccate e che può essere utilizzato in una varietà di modi. Ad esempio, aggiunge un sapore ed una consistenza unici a dolci come torte, biscotti e crepes. Viene spesso usata in combinazione con altre farine per aggiungere profondità al gusto. In alcune regioni, viene sfruttata per addensare zuppe e minestre, donando loro una consistenza vellutata. Può essere miscelata con farina di grano per fare la pasta fresca o gli gnocchi. Infine, è l’ingrediente principale del castagnaccio, il tipico dolce toscano della tradizione.

Come è fatta la farina di castagne?

Viene prodotta attraverso un processo di essiccazione e macinazione delle castagne mature. Dopo essere state raccolte, le castagne vengono essiccate, solitamente al sole o in forni speciali, fino a quando perdono gran parte del loro contenuto di umidità. Una volta essiccate, vengono macinate in una polvere fine che è, appunto, la farina di castagne. Questa ha un sapore dolce, leggermente affumicato e un colore che varia dal giallo al marrone, a seconda delle castagne utilizzate. Può essere un’alternativa senza glutine a molte farine tradizionali. La sua versatilità la rende un ingrediente molto apprezzato in cucina.

Variante Frittelle di castagne

Frittelle di castagne al rum, provate questa variante dal sapore più deciso e, se proprio non riuscite a resistere, unite all’impasto delle gocce di cioccolato.