Home Ricette Secondi piatti Secondi piatti di pesce Sarde a beccafico palermitane

Sarde a beccafico palermitane

Le sarde a beccafico sono un secondo piatto della tradizione siciliana, la panatura conferisce al pesce l’aroma e dona una consistenza croccante.

Ingredienti per 8 persone

  • 50
  • 280 cal x 100g
  • bassa
di Mauro Padula

Le sarde a beccafico sono una preparazione tipica della cucina siciliana, servite in genere come antipasto o come secondo piatto. Si tratta di una ricetta di umili origini, nata come imitazione di una pietanza destinata, in passato, esclusivamente all’aristocrazia: i beccafichi ripieni. Questi uccelli, che venivano cucinati farciti con le loro stesse interiora, erano il bottino di caccia dei nobili siciliani. Quella che sembrava essere una prelibatezza riservata a pochi, fu presto riprodotta con ingredienti poveri e più facilmente accessibili: le sarde sostituirono i volatili, mentre la mollica di pane e i pinoli presero il posto delle interiora degli uccelli. Nacque così la ricetta delle sarde a beccafico, oggi molto famosa soprattutto a Palermo e dintorni: qui le sarde sono arrotolate su un ripieno a base di pangrattato e cotte in forno. Il piatto è famoso in tutta la Sicilia, ma in base alla provincia di appartenenza è possibile trovare delle varianti. A Catania, per esempio, le sarde a beccafico sono farcite con caciocavallo e successivamente fritte. Quella che segue è la ricetta delle sarde a beccafico secondo la tradizione palermitana.

Preparazione Sarde a beccafico

  1. Pulite le sarde: desquamatele, togliete la pinna dorsale, la testa e le interiora. Staccate la lisca molto delicatamente e aprite le sarde a libro. Tenete da parte.

  2. sarde beccafico - le sarde

  3. In una padella antiaderente fate tostare il pangrattato cuocendolo per un paio di minuti e facendo attenzione a non bruciarlo.

  4. sarde beccafico - panatura in padella

  5. Trasferite il pangrattato in una ciotola, unite l’olio, l’aglio e il prezzemolo tritati, i pinoli, il sale, il pepe, lo zucchero e l’uvetta precedentemente lasciata in ammollo in abbondante acqua fredda per 30 minuti. Amalgamane per ottenere un composto facilmente compattabile. Se necessario aggiungete poco altro olio.

  6. sarde beccafico - panatura

  7. Disponete poco ripieno su una sarda e arrotolatela su se stessa. Disponete di volta in volta gli involtini formati in una pirofila da forno, alternandoli con delle foglie di alloro tagliate a metà. Una volta riempita tutta la pirofila, irrorate con poco succo d’arancia e un altro filo d’olio. Cuocete in forno a 180 °C per 15 minuti.

  8. sarde beccafico sarde ripiene

Servite le sarde a beccafico completamente fredde.