Home Ricette Dolci Sfrappole romagnole: per Carnevale

Sfrappole romagnole: per Carnevale

Le sfrappole romagnole sono una ricetta perfetta per il periodo di Carnevale. La ricetta originale prevede che vengano fritte nello strutto ma per comodità potete scegliere di cuocerle all’interno di una pentola con olio di semi ben caldo. Per una maggiore aromatizzazione potete aggiungere anche la scorza d’arancia all’impasto o utilizzare anziché zucchero semolato la stessa quantità di zucchero a velo vanigliato.

di Pamela Panebianco 14 Febbraio 2023

Le sfrappole romagnole sono un dolce di Carnevale fritto e croccante. Sono preparate con una pasta a base di farina, uova, zucchero e burro, che viene stesa sottilmente, tagliata a strisce e poi fritta in olio caldo. Una volta fritte, le sfrappole vengono cosparse di zucchero a velo e servite come snack o dessert. Solitamente sono piatte e hanno una consistenza friabile e croccante. Alcune ricette prevedono di sostituire il succo d’arancia con il latte tiepido. In ogni caso sono perfette per una festa di Carnevale di adulti e bambini.

Ingredienti per 6 persone

  • Preparazione 25 min
  • Cottura 15 min
  • Tempo di riposo 30 min
  • Calorie 422 Kcal x 100g
  • Difficoltà media

Preparazione Sfrappole romagnole

  1. In una ciotola, mescolate la farina, lo zucchero, aggiungete il burro, le uova, il liquore e il succo d’arancia e impastare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo.

  2. Coprire l’impasto con un canovaccio e lasciarlo riposare per circa 30 minuti.

  3. Stendere l’impasto con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa 1-2 mm. Tagliare la pasta a strisce sottili di circa 2-3 cm di larghezza.

  4. In una pentola, scaldare abbondante olio di semi di arachide. Quando l’olio è ben caldo, friggere le sfrappole poche per volta, fino a quando non saranno dorate.

  5. Scolare le sfrappole su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Cospargere le sfrappole con zucchero a velo e servirle ancora calde.

Per quanto tempo si conservano le sfrappole?

Se ben conservate (all’interno di un recipiente con chiusura ermetica o di una campana con coperchio) le sfrappole si mantengono fragranti per un massimo di un paio di giorni. Trascorso questo tempo iniziano ad assorbire umidità e perdono la loro originaria croccantezza. Se vi dovessero avanzare potete realizzare un millefoglie o un dolce scomposto con crema pasticcera o panna e frutta di stagione.

Variante Sfrappole romagnole

Se amate i dolci di Carnevale ecco qualche ricetta: